F1, Gutierrez: delusione Sauber al Mondiale 2014

Pubblicato il autore: Chiara Console Segui

Gutierrez

Esteban Gutierrez, terzo pilota e collaudatore Ferrari per la stagione 2015, ha l’amaro in bocca; colpevole è la sua ex scuderia, la Sauber, risultata non all’altezza del Mondiale appena concluso per mancanza di competitività. In 19 gare, le monoposto della casa svizzera non sono riuscite ad accaparrarsi neanche un punto, sia per quanto riguarda la classifica piloti che quella costruttori; i deludenti risultati ottenuti, secondo il pilota messicano, sarebbero da imputare alla mancanza di velocità e all’inaffidabilità della vettura C33, mettendo in secondo piano i progressi compiuti durante le gare del suo secondo anno in F1.
Come rivelato in un’intervista rilasciata ad Autosport Gutierrez, rimpiazzato dal prossimo anno in Sauber dall’ex Caterham Marcus Ericsson e dalla riserva Williams Felipe Nasr, la fase nera dello scorso anno si è creata in maniera piuttosto repentina insieme all’arrivo dei motori V6 turbo ibridi: «Ha colto tutti di sorpresa e per questo è stato più difficile del previsto; non è solo la frustrazione dei piloti ma anche del team. Penso di essermi impegnato per compiere un ulteriore passo dopo la mia stagione da rookie dell’anno precedente, ho mostrato i miei progressi e anche la forza per affrontare le prove in una stagione come questa. Ovviamente non è la situazione ideale ma mi sarà di certo utile nel futuro; in qualche modo posso dire di averla apprezzata perché mi ha reso più forte e più preparato». Anche sull’addio alla Sauber, avvenuto dopo un sodalizio avviato nel 2010, il pilota non ha celato il suo disappunto: «È piuttosto deludente ma al tempo stesso bisogna accettare le circostanze e andare avanti; sono molto grato a ogni ingegnere e meccanico con cui ho lavorato in tutti questi anni».

  •   
  •  
  •  
  •