F1, cosa aspettarci dal 2015?

Pubblicato il autore: [email protected] Segui

Turkish Formula One Grand Prix: Race

A pochi mesi dall’inizio della stagione 2015 del mondiale Formula 1, quali sono le novità più attese? Vediamole nel dettaglio.


 

Hamilton vs Rosberg capitolo 2: Alla fine del 2014 tra i due compagni di squadra vi era ancora un forte rispetto reciproco, nonostante la stagione turbolenta per aggiudicarsi il titolo mondiale, come testimoniano alcune scaramucce tra i due durante i gp di Monaco e Spa. Il gesto sportivo di Rosberg che a fine gara è andato a congratularsi con Hamilton è stato davvero emozionante, come la foto dei due nel box Mercedes dopo la gara. Ovviamente la rivalità tra i due rimane…

Corea o Messico? La saga del gran premio di Corea potrebbe ancora essere lunga e imbarazzante. Sua maestà Ecclestone, ha dichiarato che per cause di forza maggiore (ragioni contrattuali) è stato costretto a ripristinare il gran premio nel calendario 2015, mentre gli organizzatori hanno dichiarato che è poco probabile che possano trovare i finanziamenti per dare il via al gp. Se per il primo dunque ci sono poche possibilità, è sicuro che ci sarà il gran premio del Messico, che ritorna nel calendario dopo 12 anni.

Questione Red Bull: Le ragioni di essere ansiosi alla Red Bull per il 2015 sono duplici: in primo luogo il team ha confermato un recupero impressionante nella scorsa stagione, dopo le numerose difficoltà mostrate nella pre-stagione. Daniel Ricciardo non è più il talento emergente, dal momento che Daniel Kvyat arriverà dalla Toro Rosso e condividerà il box con lui. La performance del 2014 di Ricciardo è stata sbalorditiva, ma la pressione era bassa e guidava con la massima confidenza che arrivava dall’aver detronizzato Sebastian Vettel, 4 volte campione del mondo. Dopo il dominio del tedesco era infatti impensabile che potesse essere così pesantemente battuto dal suo compagno di squadra. Daniel Kvyat cercherà dunque di prendersi la rivincita su Ricciardo quest’anno.

Vettel vs Alonso: Fernando non ha sbagliato molte cose in F1, ma la sua selezione della squadra ha sempre lasciato a desiderare. Probabilmente con una migliore gestione Alonso avrebbe potuto assicurarsi di più dei due titoli mondiali che ha vinto. Dopo aver rinunciato al sogno Ferrari, “Nando” ritorna alla McLaren e ha dichiarato di aspettare pazientemente che la Honda possa arrivare al successo. Sarà probabile che però il pilota spagnolo terrà d’occhio le prestazioni di Vettel. Alonso infatti non ha perso tempo a sminuire il tedesco, lodando le prestazioni di Ricciardo

Lotus e Grosjean: Nonostante un 2014 da dimenticare, non si può di certo dire che Grosjean sia un pilota mediocre e la Lotus, a differenza di altri teams in difficoltà, potrà riuscire a recuperare per la prossima stagione. Gli ingredienti per una buona annata ci sono tutti.

  •   
  •  
  •  
  •