Incidente Alonso, dopo lo schianto un’amnesia lunga 20 anni…

Pubblicato il autore: Ivana Notarangelo Segui

Incidente Alonso… Un nuovo colpo di scena, verrebbe da dire! Questa volta l’indicrezione giunge direttamente dalla Spagna, patria del pilota della McLaren, più precisamente da El Pais. Secondo il quotidiano, infatti, subito dopo l’impatto durante i test di Montmelò, Alonso non solo avrebbe perso momentaneamente i sensi, confermando peraltro quanto già affermato dai meccanici McLaren qualche giorno fa (“Chiamavamo Fernando, ma dalla radio giungevano solo gemiti strani e soffocati. Poi, dopo un ultimo lamento, c’è stato solo il silenzio“), ma ai soccorritori avrebbe detto:Mi chiamo Fernando Alonso, corro sui kart e il mio sogno è arrivare in Formula 1“. Questo nuovo colpo di scena fa eco all’indiscrezione riportata già dal quotidiano tedesco Bild; quest’ultimo, nei giorni scorsi, affermava che Alonso, dopo l’incidente (causato pare da una scossa elettrica), era convinto di essere ancora in Ferrari e parlava italiano. Tuttavia, stando ancora a quanto affermato da El Pais, pare che l’ex avesse rimosso gli ultimi 20 anni della sua vita e i suoi ricordi fossero legati al 1995, agli inizi della sua carriera nel mondo delle corse. A questo punto, i sanitari si sarebbero resi conto della gravità della cosa e avrebbero proceduto con tutti gli esami che si svolgono in seguito ad un trauma cranico, come nel caso del pilota spagnolo. Inoltre, sempre secondo le indiscrezioni di El Pais, l’amnesia di Alonso sarebbe durata una settimana e i suoi ricordi sarebbero riaffiorati lentamente nel corso della sua degenza in ospedale. Se questa notizia venisse confermata, si spiegherebbero la cautela dei medici, il riserbo sull’accaduto e soprattutto la mancata presenza dello spagnolo al primo Gp della stagione il prossimo 15 marzo a Melbourne. Sembra di leggere uno dei romanzi di Agatha Christie, in cui i colpi di scena si sussegono senza sosta… E, allora, viene da pensare: sarà davvero finita qui o una nuova e clamorosa sorpresa arricchirà di altri particolari questa misteriosa storia?

  •   
  •  
  •  
  •