F1-Monza: accordo fermo, mancano i soldi

Pubblicato il autore: Mattia Ravaglia Segui

F1 - Monza

Le grandi “classiche” del campionato del Mondo di F1 stanno inevitabilmente lasciando posto a nuovi circuiti per lo più situati in luoghi sperduti del mondo ma con un alto ritorno economico per la Fia; lo stesso destino sembra possa accadere anche al Gran Premio d’Italia (con sede a Monza) di F1. Negli scorsi mesi a tal proposito aveva parlato il numero uno della Federazione Bernie Ecclestone, ribadendo come sia l’autodromo di Monza, sia quello del Nurburgring, stessero rischiando di perdere il posto nel mondiale di F1. Per quanto riguarda il famoso circuito tedesco l’epilogo è noto: quest’anno non ci sarà nessun Gran Premio di Germania a causa delle troppe perdite a bilancio.

La situazione per il Campionato del Mondo potrebbe però farsi ancora più critica: la dirigenza del circuito di Monza sembrerebbe non avere abbastanza denaro per poter convincere il numero uno della F1 a permettere il disputarsi del Gran Premio d’Italia. L’unica soluzione – fanno sapere i vertici dell’impianto brianzolo attraverso la figura di Angelo Sticchi Damiani – è l’intervento del governo per defiscalizzare l’intera operazione:

La Regione Lombardia può dare un sostegno importante in termini di ammodernamento dell’impianto e messa in sicurezza, si parlava di svariate decine di milioni. La Regione si è resa disposta a dare un contributo di 20 milioni di euro ma stiamo parlando di un contributo che attualmente è fermo perché c’è un problema fiscale da risolvere. Confido che il Governo lo voglia sbloccare in tempi brevi Bisogna trovare un passaggio legislativo che consenta alle Camere di defiscalizzare il provvedimento

Tutti gli appassionati di F1 rischiano quindi di perdere un’altro storico circuito del Mondiale a causa della grande crisi che questo movimento sta vivendo nel mondo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: