F1 Gp Singapore, Rosberg Hamilton: è duello!

Pubblicato il autore: Ivana Notarangelo Segui

Rosberg Hamilton

Rosberg Hamilton: basterebbero questi due nomi per accendere il Gp di Singapore, in programma il prossimo 20 settembre. I due compagni di scuderia, stando alle loro dichiarazioni, sono pronti a battagliare fino all’ultimo giro. Se però Lewis Hamilton può contare su un rassicurante quanto importante vantaggio (+53 punti sul rivale), Nico Rosberg è costretto alla rincorsa. E che rincorsa. Nonostante tutto, però, non appare scoraggiato e sembra non volersi arrendere facilmente. “Rinuncia è una parola che non fa parte del mio vocabolario” precisa innanzitutto, anche se poi l’iniziale ottimismo lascia spazio ad una più razionale presa di coscienza: “Certamente dopo il ritiro di Monza il titolo è diventato meno probabile. Era la gara in cui avrei più delle altre dovuto ridurre il divario in classifica, è stata quella in cui ho perso più punti da Lewis“. Rosberg tenta, dunque, di analizzare le eventuali cause dei mancati risultati e i dati a disposizione mostrano come i problemi nascano nel corso delle qualifiche, dove Hamilton lo sopravanza 11-1 nella conquista delle pole. Un risultato impressionante. E Nico ne sottolinea l’importanza: “In inverno ho lavorato molto sul miglioramento della mia prestazione in gara, dal passo alla gestione dei duelli ravvicinati. Lewis però è cresciuto moltissimo in qualifica e questo lo rende difficilissimo da affrontare in gara perché se gli sono dietro alla prima curva i sorpassi diventano quasi impossibili“. Tuttavia, non si dice preoccupato che la Mercedes possa favorire il compagno, poiché afferma che “io e Lewis abbiamo le stesse opportunità e così resterà perché questo è il messaggio che vuole trasmettere la Mercedes“. Infine, seppur consapevole delle residue speranze che gli rimangono per laurearsi campione del mondo, Rosberg si affida ai numeri (“L’aritmetica non mi condanna. Sette gare vogliono dire 175 punti a disposizione.“) e getta il guanto di sfida al compagno – rivale: “Non mi arrendo, per me si va solo avanti, attaccherò al 100%“. E, allora, Rosberg Hamilton: che duello sia! Fino all’ultima curva.

  •   
  •  
  •  
  •