F1, sensazioni differenti in casa Ferrari. Arrivabene: “Kimi si lamenta sempre!”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

PA1661770.0036

Nonostante la doppietta della Ferrari a Singapore, con la vittoria di Sebastian Vettel e il terzo posto di Kimi Raikkonnen, all’interno del team ci sono delle sensazioni diverse. Dalla gioia incontenibile di Seb, alle lamentele di Kimi che a dire del boss Maurizio Arrivabene, ultimamente sono davvero troppe. Anche ieri il finlandese ha “preso paga” dal compagno di squadra. Sul podio non sembrava affatto soddisfatto ed ha dichiarato di aver fatto fatica a guidare la macchina in qualifica e di avere avuto lo stesso feeling anche in gara.

Kimi si lamenta sempre! Non c’era nessun tipo di problema. Succede anche quando devono lavorare per il setup, Sebastian è calmo mentre Kimi urla“.
Ad Arrivabene è stato chiesto poi di spiegare perchè c’è così tanta differenza tra i due piloti.
“A Monza Kimi era molto, molto forte mentre a Singapore lo è stato Sebastian. Seb ama molto questo circuito ed è sempre andato particolarmente veloce qui, perciò non voglio fare un confronto. Sono saliti entrambi sul podio e a me basta questo“. 

Ecco le dichiarazioni dei due piloti Ferrari al termine della gara:

Leggi anche:  Grosjean: sta bene e vorrebbe correre ad Abu Dhabi

Kimi Raikkonen non sorride sul podio, i problemi delle qualifiche si sono fatti sentire anche in gara.
“Sabato sono rimasto sorpreso dalla qualifica, non mi aspettavo quel risultato considerata la difficoltà che avevo con la macchina. In gara era lo stesso ma avevamo come punto di forza la velocità ma non potevo fare meglio del terzo posto. All’inizio della gara potevo seguire Vettel e Ricciardo ma poi le gomme hanno iniziato a calare. Non è bello avere queste difficoltà ma è un buon risultato per il team e speriamo di ripeterci“. 
Durante la conferenza stampa a Kimi è stato chiesto perchè non è riuscito a stare con i primi due fino alla fine.
“Quando hai le gomme nuove ma macchina va meglio ma quando abbiamo iniziato a spingere di più ho iniziato ad avvertire i problemi al posteriore“.
Nonostante questo però, Raikkonen è fiducioso di poter puntare sulla doppietta da qui alle prossime gare:
“Spero che possiamo migliorare sotto questo aspetto e di continuare su questa strada per ripeterci. Credo che abbiamo fatto un lavoro fantastico e come squadra continueremo a fare le stesse cose. Sono sicuro che stiamo procedendo per la giusta direzione”.

Diverso è l’atteggiamento di Sebastian Vettel che sale a quota tre vittorie dal suo debutto in Ferrari. Si può ancora sperare per il titolo mondiale?
“Se facciamo dei weekend come questo si. Abbiamo una piccola possibilità ma forse possiamo rendere l’impossibile… possibile! Voglio ringraziare il team perchè abbiamo fatto un weekend perfetto. La macchina era fantastica, il feeling eccezionale. Sono riuscito a controllare le gomme e a gestire la gara. Sono molto, molto contento! All’inzio era abbastanza facile, ho cercato subito di aprire un gap dagli avversari e sono rimasto sorpreso quando ho visto i 5 secondi di distacco dopo i primi giri. Tuttavia ho spinto troppo all’inizio e questo spiega perchè Ricciardo ha girato 3 o 4 decimi più veloce di me a fine gara.”
Seb ha scherzato poi sull’episodio dell’invasione di pista: “Ho dvouto guardare più volte, ho pensato di avere un problema alla vista perchè ho visto qualcuno attraversare la pista. Così l’ho comunicato alla radio. Mi sembrava che stesse facendo una foto. Spero che gli sia venuta bene! E’ stato un pazzo, entriamo in quella curva agli 80 all’ora. Io non avrei attraversato se fossi stato in lui. Credo che per il prossimo anno dovrebbero sistemare meglio le transenne. Fortunatamente non è successo nulla a noi e da quanto ne so nemmeno a lui“.

Per i ragazzi della Ferrari c’è poco tempo per festeggiare. Questa domenica infatti ci sarà il quattordicesimo appuntamento del calendario 2015. Si correrà a Suzuka, un tracciato che lo scorso anno è stato protagonista della tragedia dell’incidente di Jules Bianchi. Gara interrotta al 46esimo giro. La vittoria va a Lewis Hamilton davanti a Nico Rosberg e Sebastian Vettel.

  •   
  •  
  •  
  •