F1: grave incidente per Sainz, paura al Gp di Sochi: gli aggiornamenti

Pubblicato il autore: Cristina G. Segui

Carlos Sainz (Scuderia Toro Rosso Pilot) talks during the Press Conference about his announcement as F1 driver in Madrid, Spain on November 29th, 2014

Paura questa mattina nel corso della terza sessione di prove libere relative al Gp di Sochi: vittima questa volta il pilota della Toro Rosso Carlos Sainz Jr. A poco più di 20′ dal termine della sesisone infatti Carlos Sainz è andato a sbattere violentemente, infilandosi sotto le barriere della curva 13, ovvero alla fine del rettilineo opposto a quello principale della pista di Sochi. I soccorsi sono arrivati tempestivi ma i commissari e i dottori hanno impiegato molto tempo per raggiungere Carlos, rimasto infilato nelle barriere dopo il forte impatto. Per estrarre il giovane pilota dalla vettura insieme a tutto il sedile ci sono voluti parecchi minuti, il che ha suscitato profonda apprensione per le sue condizioni di salute. Per fortuna Carlos Sainz, figlio dell’ex campione mondiale di rally, ha tranquillizzato gli spettatori appena possibile facendo cenno con il pollice alzato mentre in barella veniva caricato sull’ambulanza.
Il giovane pilota iberico in questi minuti verrà trasportato al Centro Medico per le prime analisi del caso: le Libere 3 del Gp di Sochi, dopo l’interruzione a causa dell’incidente, non riprenderanno. Intanto si attendono aggiornamenti sugli effettivi danni riportati dal pilota a seguito dell’incidente che seguiranno alle doverose visite mediche che si stanno svolgendo proprio in questo momento.
Ultimi aggiornamenti: “Il pilota sta bene, è cosciente anche se non è stato un impatto semplice perché la macchina è rimasta sotto le barriere.” A parlare è il responsabile della comunicazione della Fia, Matteo Bonciani.Sembra quindi che il peggio sia passato e il pilota non abbia subito gravi danni dal violento impatto come dimostrano le foto apparse negli ultimi minuti sui social che ritraggono Sainz sveglio e sorridente in ospedale.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: