F1, Red Bull motore Honda? La McLaren dice no

Pubblicato il autore: Simone Cerroni Segui

red bull motore

F1, Red Bull motore Honda? La McLaren dice no –  Per Enzo Ferrari i team della Formula Uno dovevano lavorare tutto l’anno sull’aggiornamento del motore per la stagione successiva. Le accademy dovevano essere “palestre di meccanica e tecnologica”. All’aerodinamica lasciava gli spiccioli. Nel 2015 quelle parole trovano ancora spazio sui nastri d’asfalto dominati dai V6 turbo. E allora ecco che le scuderie puntano un occhio sul presente e uno sul futuro. C’è però chi ancora, come la Red Bull,  non può farlo. Il team anglo-austriaco, dopo aver ricevuto il no dalla Mercedes e un parziale “Ni” dalla Ferrari,  è ancora alla ricerca di una power unit per la prossima stagione. Ma il tempo stringe, anzi il countdown è iniziato. Meno di tre settimane, altrimenti la scuderia potrebbe dire davvero addio alla Formula 1. Mateschitz, proprietario del team, dopo il Gp del Messico ha concesso una proroga per risolvere la situazione. A conti fatti, dunque, la Red Bull avrà tempo fino al 22 novembre, quindi fino al week end prima del Gp di Abu Dhabi, ultimo in calendario.

F1, Red Bull motore Honda? La McLaren dice no – Gli scenari ora sono due: proseguire con la Renault, con la quale è in aperta rottura, o scegliere di passare ad un motore ancora non competitivo. Quale? La Red Bull si accontenterebbe del motore Honda. Il problema? La McLaren ha il veto sulla vendita e direbbe sarebbe disposta a rifiutare. La situazione e la logica dei team è chiara. Nessuno vuole vendere la power unit ad un team che comunque è stato campione del mondo per 4 volte e che continua ad essere la quarta scuderia del mondiale: quindi per tutti diretta concorrente. E allora una cosa è chiara: il coraggio e la sportività non sono beni che si possono comprare.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: