F1, Gp di Cina: ancora dominio assoluto di Rosberg. Vettel rimonta ed arriva secondo

Pubblicato il autore: Emiliano Rota Segui

rosberg

Nico Rosberg conquista il Gran Premio di Cina, passando per primo sotto la bandiera a scacchi sul circuito di Shanghai. Ottiene così la terza vittoria stagionale per il pilota tedesco della Mercedes, che allunga nella classifica piloti con 75 punti: bottino pieno in questo avvio di campionato. Nico festeggia oggi la vittoria numero 17 in carriera, la sesta consecutiva (considerando anche quelle delle passata stagione). Sul podio di Shanghai anche Vettel con la Ferrari e Kvyat con la Red Bull.

Al semaforo verde, Rosberg perde il comando della gara nei confronti di Ricciardo. Alle loro spalle, le due Ferrari pasticciano: Vettel, attaccato da Kvyat, è costretto ad allargarsi un po’, ma colpisce Raikkonen e lo fa precipitare nelle retrovie. In fondo al gruppo, Hamilton si ritrova imbottigliato e tampona una vettura, rompendo l’ala anteriore. Pochi giri dopo il caos della partenza, esplode la gomma posteriore sinistra della Red Bull di Ricciardo, a causa dei detriti in pista. Rosberg torna così al comando e la safety car ricompatta il gruppo.

Inizia a quel punto la rimonta di Vettel. Il pilota tedesco della Ferrari, non perdendosi d’animo, con una strategia giusta e il coltello tra i denti, è risalito in classifica a suon di sorpassi. Sulla linea del traguardo è secondo, con un po’ di rammarico di non aver potuto infastidire Rosberg per la vittoria finale. Prima del podio, proprio davanti alle telecamere, Vettel ha avuto una discussione con Kvyat in merito al sorpasso subito alla prima curva: Seb è apparso piuttosto infastidito, mentre Daniil si è giustificato dicendo “Mi hai lasciato lo spazio e mi sono buttato dentro. Sono qui per correre!”. Kimi Raikkonen, al termina della corsa, ha aggiunto: “La partenza è stato un disastro, dopo abbiamo fatto il possibile. Non è stato semplice. La gara è stata piuttosto dura, ho faticato un po’ all’inizio. Poi però abbiamo recuperato un po’ di posizioni: arrivare quinti non è un disastro, anche se puntavamo ad altro“.

Ottima prestazione della Red bull che tra le curve dello Shanghai International Circuit ha dimostrato di esserci e che solo la sfortuna ha potuto fermare. Ricciardo, infatti, era riuscito anche a portarsi al comando, ma ha dovuto rimontare dal fondo dopo quella foratura arrivata proprio mentre si trovava al comando. “Tanta sfortuna per quella gomma bucata“, ha detto Ricciardo. “Peccato, ma queste cose possono accadere. La gara comunque è stata magnifica, forse una delle più belle gare che ho fatto nella carriera. Il podio era alla portata, potevo fare anche secondo. Comunque è un buon weekend per la gara, stiamo dimostrando di avere una buona velocità per il futuro“. Degna di nota anche la gara del proprio compagno di squadra, Daniil Kvyat, che ha conquistato il podio.

Ordine d’arrivo
1. Nico Rosberg (GER/Mercedes) in 1 h 38:53.891
2. Sebastian Vettel (GER/Ferrari) a 37.776
3. Daniil Kvyat (RUS/Red Bull-TAG Heuer) a 45.936
4. Daniel Ricciardo (AUS/Red Bull-TAG Heuer) a 52.688
5. Kimi Räikkönen (FIN/Ferrari) a 1:05.872
6. Felipe Massa (BRA/Williams-Mercedes) a 1:15.511
7. Lewis Hamilton (GBR/Mercedes) a 1:18.230
8. Max Verstappen (NED/Toro Rosso-Ferrari) a 1:19.268
9. Carlos Sainz Jr (ESP/Toro Rosso-Ferrari) a 1:24.127
10. Valtteri Bottas (FIN/Williams-Mercedes) a 1:26.192

Classifica mondiale piloti
1. Nico Rosberg (GER) 75 punti
2. Lewis Hamilton (GBR) 39
3. Daniel Ricciardo (AUS) 36
4. Sebastian Vettel (GER) 33
5. Kimi Räikkönen (FIN) 28
6. Felipe Massa (BRA) 22
7.Daniil Kvyat (RUS) 21
8. Romain Grosjean (FRA) 18
9. Max Verstappen (NED) 13
10. Valtteri Bottas (FIN) 7
11. Nico Hülkenberg (GER) 6
12. Carlos Sainz Jr (ESP) 4
13. Stoffel Vandoorne (BEL) 1

Classifica mondiale costruttori
1. Mercedes-AMG 114 punti
2. Ferrari 61
3 Red Bull 57
4. Williams 29
5. Haas 18
6. Toro Rosso 17
7. Force India 6
8. McLaren-Honda 1

  •   
  •  
  •  
  •