F1 – Gran Premio Giappone: Hamilton ci crede! Raikkonen invita ad avere pazienza, Vettel confida nel podio

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

Lewis-Hamilton Foto da www.smartweek.it

Guai a dirgli che ormai Rosberg ha il titolo in tasca! A cinque prove dalla fine del campionato di Formula 1 2016, con 23 punti di distacco dal compagno di squadra della Mercedes Nico Rosberg, Lewis Hamilton è convinto di avere ancora molte possibilità di aggiudicarsi il titolo iridato.
La conclusione sfortunata dell’ultimo Gran Premio in Malesia, che lo ha costretto al ritiro a 15 giri dalla fine per un guasto al motore andato in fumo, non lo ha demoralizzato, anzi gli ha fatto venire fuori la grinta del campione che non vuole arrendersi mai.
Promette battaglia Hamilton al prossimo Gran Premio del Giappone in programma a Suzuka domenica con partenza alle 7,00 ora italiana.

F1 – Gran Premio Giappone: Hamilton ostenta ottimismo

Nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa Hamilton si è detto di ottimo umore e di essere pronto a scendere in pista. Stimolato sull’argomento complotto del team nei suoi confronti, nel tentativo di eliminare qualunque dubbio in proposito, ha dichiarato: “Ho detto solo che qualcuno in alto non vuole che io vinca, ma non ho altro da aggiungere. Sul mio profilo Instagram ho già chiarito quanta passione ho nel team, quanto ci creda. Ho tanti guai di affidabilità, ma la squadra mi ha assicurato che farà di tutto perché non accada più”. L’ottimismo non gli manca e la voglia di ridurre il distacco da Rosberg fin dal Gran Premio di Suzuka è tanta: “Mi sento proprio come l’anno scorso, contento ed eccitato di essere qui, pronto a gareggiare. Non ho pensato alla Malesia nei giorni successivi, ma soltanto a godermi l’esperienza qui a Tokyo, una delle mie tre città preferite. Ho sempre molte cose per la testa. Spero di continuare a fare bene”.

Leggi anche:  Mick Schumacher e il primo match point per diventare Campione del Mondo F2. Ecco le possibilità

F1 – Gran Premio Giappone: Raikkonen invita ad avere pazienza

L’invito ad avere pazienza, è rivolto dal pilota finlandese principalmente alla Ferrari: “Non possiamo pensare di trovare all’improvviso gli strumenti per tornare a vincere dalla prossima gara. C’è bisogno di tempo per sistemare le cose, per cambiarle e per fare progressi. Stiamo lavorando sodo e non molliamo: quello che stiamo imparando oggi ci sarà utile in futuro” queste le sue parole riportate dalla stampa, che sembrano non lasciare spazio ad un ottimismo immediato. “Non è questione di pressione, forse abbiamo fatto le cose in modo migliore” ha continuato Raikkonen ”Ho un gruppo che lavora bene, ci sono piccoli dettagli da correggere e l’abbiamo fatto. Quando ci sono questi piccoli dettagli pensi che non contano ma quando si sommano ti portano via tanto tempo sul giro. Le cose stanno andando meglio, ma finché non saremo davanti come Ferrari non saremo soddisfatti ed è doloroso”.
In conclusione una ventata di fiducia che contrasta con le disillusioni espresse prima: “Siamo qui per vincere. Questa pista mi piace, è un circuito bello e impegnativo. Quando la macchina è ben bilanciata e le cose vanno bene senza intoppi è fantastico, ma se si fa fatica a trovare il giusto assetto non è il posto più facile”.

F1 – Gran Premio Giappone: Vettel confida nel podio

Vettel partirà tre posizioni dietro quelle di qualifica per la penalizzazione comminatagli dai commissari di gara a seguito del contatto con Rosberg nel Gran Premio della Malesia di domenica scorsa. Ma malgrado la penalizzazione il pilota tedesco della Ferrari ha fiducia nella possibilità di un buon piazzamento: “Il podio è sempre possibile, dicono anche che potrebbe piovere nel corso del week end e dovremo essere pronti. Partire un po’ più indietro non aiuta ma qui sorpassare è possibile anche se non è semplice, dobbiamo lavorare sulla velocità” ha dichiarato per poi continuare dicendo: “Idealmente bisognerebbe avere più aderenza ma possiamo ottimizzare il bilanciamento e distribuire il grip per essere nelle condizioni ottimali domani. Oggi abbiamo cercato di lavorare sia sulla gara che sulla qualifica, ci siamo concentrati sulla soft al mattino ma abbiamo provato anche la gomma dura, il bilanciamento ancora non c’è, cercheremo di analizzare i dati per vedere a che punto siamo rispetto agli altri”.

  •   
  •  
  •  
  •