Formula 1, Mateschitz: “Verstappen è il nuovo Senna”

Pubblicato il autore: Morgana Corti Segui
Max Verstappen criticato per il suo stile di guida in pista: troppo pericoloso, giudicano piloti ed addetti ai lavori

Max Verstappen

 

Secondo Dietrich Mateschitz, proprietario della Red Bull, Max Verstappen può diventare il nuovo Ayrton Senna.
Queste le sue parole rilasciate in un’intervista a Marca, dove parla del giovane pilota olandese. «Se si considera il suo talento naturale, la sua forza mentale e il coraggio che ha dimostrato in tutte le gare, allora si può parlare di lui come nuovo Senna,Verstappen dovrà essere capace di mantenere il livello di velocità, le sue abilità e la sua forza per molti anni. Nessuno sa se accadrà, ma noi crediamo che ne abbia il potenziale».
Mateschitz parla, nell’intervista anche dell’altro pilota in orbita Red Bull che sta dimostrando un gran talento, Carlos Sainz. Lo spagnolo ha tutte le carte in regola per essere un pretendente al titolo nel futuro: «Sì, può esserlo Carlos è un grande sportivo, ha personalità, carisma e talento. Il problema è che alla Red Bull abbiamo già due grandi piloti come Verstappen e Ricciardo, ma credo che per lui sia ideale restare alla Toro Rosso per un altro anno, soprattutto perché ci aspettiamo di migliorare significativamente il rendimento della vettura».

Leggi anche:  Grosjean: sta bene e vorrebbe correre ad Abu Dhabi

Ma chi è Verstappen?
Max è un figlio d’arte, nasce nel 1997 sotto il segno della velocità. Suo papà è un ex pilota di Formula 1, Jos Verstappen e anche sua mamma Sophie è un ex pilotessa.
Nel 2005 Max ha iniziato a fare sul serio prendendo parte al suo primo campionato, il Mini campionato belga, dove ha vinto tutte le 21 gare. Entro il 2013, Max aveva vinto quasi tutto quello che la disciplina kart aveva da offrire come il titolo mondiale del 2013 a Varennes-sur-Allier, in Francia.

Il suo debutto sulle monoposto è stato nel primo Florida Winter Series, ma il team olandese Van Amersfoort Racing lo opziona per partecipare al campionato europeo di Formula 3 2014. A soli 16 anni, Max ha affrontato con coraggio la sfida cogliendo la vittoria alla sua sesta gara prima di infilare una serie incredibile di sei vittorie consecutive conquistando il terzo posto nella classifica generale. Nell’agosto 2014 è stato annunciato il suo approdo alla Scuderia Toro Rosso per il 2015, diventando così il più giovane pilota di Formula Uno della storia.

Leggi anche:  F1, sarà George Russel a prendere il posto di Hamilton nel GP di Sakhir

DOPO IL GP DEL MESSICO
Le polemiche e la delusione per la gara in Messico sono alle spalle, e oggi Max Verstappen si prepara al penultimo appuntamento di Formula 1 della stagione, in Brasile. Lo scorso anno, sulla Toro Rosso, l’olandese conquistò il nono posto al primo assaggio della pista, queste le sue parole :«È un circuito che mi piace ha un disegno particolare e si corre in senso antiorario, il che aggiunge sempre un po’ più di divertimento alla sfida. La pista è molto tecnica soprattutto il settore 2 che è determinante fare bene per fare il giro veloce. E poi qui è pieno di storia e di grandi momenti, anche questo rende speciale la gara». Per Verstappen si sta per chiudere il secondo anno in Formula 1: «È strano pensare che tra qualche settimana chiuderemo ad Abu Dhabi, punto a finire la stagione in alto e prepararmi a un 2017 ancora migliore».

  •   
  •  
  •  
  •