Massa ricorda Schumacher: “E’ stato il mio maestro, quanta vodka a Madonna di Campiglio”

Pubblicato il autore: laura tripoli

Ferrari Brazilian's driver Felipe Massa (L) and seven times drivers champion and Ferrari team advisor Michael Schumacher (R) speak in the pits of the Monza racetrack on September 13, 2008 near Milan, during the third practice session of the Italian Formula One Grand Prix. AFP PHOTO / DAMIEN MEYER (Photo credit should read DAMIEN MEYER/AFP/Getty Images)
I momenti dei ricordi arrivano sempre, questa volta è stato proprio Massa a ricordare il grande pilota della Formula 1 Michael Schumacher dopo l’incidente che l’ha coinvolto. Era il 29 dicembre del 2013 e il campione del mondo di F1 era in vacanza sulla neve, a causa di una caduta Michael Schumacher è rimasto in coma, da quel momento la sua vita è cambiata. Nel settembre del 2014, uscito dal coma, il pilota è stato per due settimane in una clinica a Losanna per la riabilitazione per poi tornato a casa dove continua la sua battaglia per cercare di tornare alla normalità. Quello di Abu Dhani per Felipe Massa non sarà soltanto la gara che assegnerà il titolo mondiale ma anche il suo ultimo GP in carriera. Tanti sono i ricordi nella mente del pilota verdeoro che ha voluto raccontare della sua esperienza in Formula 1, dei suoi momenti migliori e peggiori, della sua famiglia e dell’amore dei suoi tifosi. Tra pochi giorni Massa appenderà il casco al chiodo e il suo pensiero più grande va al sette volte campione del mondo con cui condivideva anche il box della scuderia:

“Michael è stato un compagno molto divertente. La maggior parte degli aneddoti più curiosi sono avvenuti nel corso dell’appuntamento invernale di Madonna di Campiglio. Ci divertivamo a fare donuts con le macchine in mezzo alla neve, scendevamo sui pendii con una bottiglia di vodka sotto le giacche, giusto per tenerci caldi…” Solo ricordi positivi quelli del pilota brasiliano che poi ha voluto aggiungere: “Lui è stato il mio maestro, l’ho sempre guardato come un idolo mentre Michael mi ha visto probabilmente come il ragazzo da aiutare. Il nostro è stato un rapporto diverso da quello avuto con tutti gli altri compagni di squadra.”

Il pilota brasiliano ha voluto annunciare il suo ritiro proprio a Monza spiegando che la decisione è scaturita proprio dal decennale del ritiro di Michael Schumacher annunciato proprio nello stesso GP. Circa 10 giorni fa per la felicità dei tifosi del pilota tedesco sono stati aperti i suoi account ufficiali su Facebook e Instagram che verranno seguiti dalla sua portavoce Sabine Kehm. La decisione, nell’anniversario del primo mondiale di Michael vinto 22 anni fa ad Adelaide. I tifosi intanto sperano che proprio questo debutto sul web nasconda delle importanti novità e perché no…di una guarigione definitiva del pilota che per tante domeniche li ha fatti sognare.

  •   
  •  
  •  
  •