F1, Verstappen sull’incidente al GP di Singapore: “Colpa delle Ferrari, Vettel imprudente”

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Formula 1
Non si placano le polemiche dopo il maxi incidente alla prima curva del Gran Premio di Singapore di Formula 1, che si è disputato ieri pomeriggio. La “carambola” a tre vetture, ha visto coinvolte in primo luogo, le due Ferrari di Kimi Raikkonen e sopratutto di Sebastian Vettel, che è in piena lotta per la vittoria del mondiale piloti; entrambe le “rosse” sono state costrette al ritiro, con il tedesco, che partiva dalla pole positione, e che avrebbe potuto portarsi a casa punti pesantissimi. L’altro pilota coinvolto nell’accaduto è stato il giovane talento della Red Bull, l’olandese Max Verstappen che ha spiegato le sue ragioni nel paddock a fine corsa.


Questa la difesa del pilota della scuderia austriaca:”Sono partito al meglio che potevo, ma Vettel ha iniziato a stringermi, per non farmi passare, improvvisamente mi sono visto Raikkonen, attaccarmi a sinistra, ci siamo toccati, e lui è finito addosso al compagno di squadra, e ci siamo ritirati, avevo iniziato la frenata, ma mi sono trovato in mezzo a loro, non è stata colpa mia, la dinamica mi pare chiara.
Poi una stoccata a Vettel: Vettel ha detto che io ho sbagliato? Lui però si stava giocando il mondiale, e quando sei in lizza per qualcosa di importante, devi anche saper usare la testa. Avrebbe dovuto perdere un paio di posizioni, facendo passare davanti anche Raikkonen e poi con il potenziale tecnico della Ferrari, e con la gara ancora lunga, poteva recuperare. Hanno voluto rischiare  pagando la scelta a caro prezzo, i responsabili sono loro, non io. Con il mondiale in ballo, potevano guadagnare punti pesanti, tornano a casa con niente e sono arrabbiati tutto qua, sono contento che a ritirarmi non sono stato solo io…”mi dispiace, perchè la mia vettura era competitiva, e avrei potuto lottare per vincere”.

  •   
  •  
  •  
  •