Formula 1 . Gran premio di Singapore. Prove libere 2 all’insegna della Red Bull

Pubblicato il autore: Gaodan Segui

Red Bull velocissima sul circuito di Marina Bay

La Red Bull vola

Formula 1. Gran Premio di Singapore. La Red bull mette le ali!! Notte fonda per la Ferrari che non va oltre la nona e l’undicesima posizione nelle prove libere 2
Quello che era un presagio, si è trasformata in una conferma nelle seconde prove libere del Venerdì  valevoli per il Gran premio di formula di Singapore. La Red Bull è in forma, velocissima, in questo momento la candidata numero uno sia per la pole che per la gara di Domenica.
Ricciardo vola davanti a tutti con 1:40.852, a seguire Verstappen con 1:41.408; terzo Hamilton con 1:41.555. E poi ad un distacco che va dai due secondi in poi tutti gli altri, con Bottas quarto, Hulkenberg quinto, Vandorne sesto.
Inquietante le prove Ferrari. A dir il vero Vettel qualche luce di speranza l’ha fatta vedere. Sceso in pista per il giro veloce con gomma ultra soft, ha fatto subito registrare il miglior tempo nel primo settore, poi ha dovuto abortire il giro, causa traffico. Nel giro successivo è andato a muro. Tornato ai box, per le riparazioni del caso, ha avuto il tempo solo per rientrare per il long run; di fatto quindi ufficialmente non abbiamo un suo tempo in proiezione per la qualifica di domani, a parte quel miglior primo settore, che risulta essere comunque oltre modo incoraggiante. Molto male Kimi!! Undici giri con gomma ultra soft, nei quali non è riuscito ad andare oltre l’1:42.835, 2 secondi da Ricciardo, a parità di gomma!!
Nel long run le cose sono andate un tantino meglio. Vettel ha girato, a parità di gomma, sugli stessi tempi di Hamilton, e più veloce di Bottas. Anche Kimi, ha fatto intravedere qualcosa, girando tra l’1:47 e l’1:48. Ma ancora distanti anni luce dalla Red Bull, che ha girato mediamente sull’1:46, e girando sempre con tempi più bassi sia delle Ferrari, ma anche delle Mercedes.
Sia nelle prove per la qualifica che in quelle per il long run, tutti i piloti hanno girato provando  tutti i tipi di mescole. Dai giri, sia per qualifica che per long run, la ultra soft ha confermato di essere quella più prestazionale, ma in alternativa anche la soft ha mostrato, specie sulla mercedes, di poter risultare estremamente utile, non tanto per i tempi su singolo giro, quanto per allungare gli stint mantenendo comunque un ritmo alto su giro.
Tornando ale prove Ferrari. E’ plausibile che le difficoltà,  soprattutto di Raikkonen, siano dovute al non essere riusciti a portare in temperatura le gomme, e quindi a raggiungere un delta termico equilibrato tra gomme anteriori e posteriori, e questo per le temperature basse di una pista notturna. Lo stesso Mario Isola, ai microfoni di sky, ha affermato che chi riuscirà a trovare questo equilibrio, troverà anche la prestazione.
Insomma, per la  casa di Maranello la strada in questo week and sembra davvero tutta in salita. Tra sta notte e domani bisognerà assolutamente cercare di aggiustare il tiro per cercare di, non diciamo colmare, che sembra davvero difficile, ma almeno accorciare il gup con le Red Bull. Ingegneri, meccanici e piloti avranno tanto da pensare, discutere e lavorare; ne siamo certi.

Leggi anche:  GP Russia, Sainz: "E' stato un buon venerdì per noi"
  •   
  •  
  •  
  •