Motogp, Marquez: “Ho dovuto darmi una calmata!” [Video]

Pubblicato il autore: [email protected] Segui

marc-marquez-box-equipo-malasia-1423308807803

Ai microfoni di Crash.net , Marc Marquez ha dichiarato che dopo aver registrato il miglior tempo (1.58.867) ha dovuto entrare ai box per calmarsi. Il feeling era fantastico e non mi aspettavo, specialmente dopo il primo giorno di test di fare questo tempo perchè la pista sembrava più sconnessa dello scorso anno. Ma nel terzo giorno il tempo era un pò nuvoloso, la temperatura era perfetta non ha mai piovuto durante i tre giorni. Questo ha aiutato molto. Il tracciato era più veloce del solito ed è per questo motivo che ho fatto il tempo. Ciò nonostante quando ho visto ’58 ero molto contento, ma mi sono fermato ai box per rilassarmi perchè ho pensato ‘dopo il 58 arriva la caduta!’; poi abbiamo continuato come sempre. Sono inoltre soddisfatto della simulazione di gara, perchè abbiamo capito molte cose con la nuova moto. Ho provato diverse opzioni sull’elettronica, anche sul davanti abbiamo testato cose diverse ma poi ci siamo accorti che era meglio tornare al setup di prima. Quindi sono contento e non vedo l’ora di testare altro nei prossimi test.”

marc1

La simulazione di gara di Pedrosa è stata leggermente più veloce del long run di Marquez, ma secondo il campione del mondo è futile fare una comparazione tra i tempi in generale, poichè entrambi hanno registrato i tempi in ore e condizioni diverse. “Dani ha fatto la simulazione alle 13, mentre io alle 14:30, quindi la temperatura non era la stessa ma lui è stato veloce e sembra sia stato il più veloce e il più competitivo. Noi dobbiamo ancora migliorare la seconda parte della simulazione di gara o forse la parte intermedia, perchè sia all’inizio che alla fine ero veloce, ma nella parte di mezzo ho faticato di più”. Per Marquez il progresso principale riguarda il miglioramento del feeling con l’anteriore, nonostante una mancanza di grip al posteriore nelle uscite di curva; un punto su cui Honda dovrà porre particolare attenzione nei prossimi test a Sepang.

“Rispetto alla moto 2014 abbiamo migliorato il feeling all’anteriore nell’entrata in curva ma perdiamo ancora in uscita e dovremo lavorare su questo perchè avevamo già questo problema lo scorso anno. Se miglioriamo in questo aspetto allora saremo davvero competitivi.” Marc ha definito il nuovo motore Honda più aggressivo di quello dello scorso anno ma ha ammesso che c’è del potenziale ancora non sfruttato che potrà essere ottenuto una volta che il “carattere” del motore viene valorizzato. “Se miglioriamo il carattere del motore aiuterà molto, ho provato la moto 2014 per un giro e il tempo sul giro era lo stesso. Questo significa che possiamo migliorare. Con quella moto mi sentivo già bene perchè l’ho guidata per un anno ma la 2015 può essere migliorata ancora in certi punti. La cosa più importante è che abbiamo diverse opzioni per migliorare questo feeling.

marc2

In totale Marquez ha testato 3 Honda a Sepang, ma si è concentrato di più sulla “compromettente” RC213V che è un mix tra la moto 2014 e la moto 2015 che ha testato la prima volta a Valencia nel post stagione. “Sono partito con quattro moto ma ne ho testate solo tre. La quarta moto me la sono dimenticata e ho provato solo tre moto differenti nella prima giornata, mentre per i giorni restanti mi sono concentrato solo sulla 2015. Ho anche dimenticato quella che ho provato a Valencia, e ho testato solo la moto più nuova. Ho provato ancora la 2014 ma devo dimenticare questa moto perchè in questa stagione userò quella nuova“. Lo scorso anno Marc si era infortunato durante un allenamento con il dirt track e che gli ha fatto perdere una buona parte dei test pre campionato. Quest’anno Marquez ha fatto lo stesso allenamento sebbene abbia concentrato l’allenamento a gennaio per evitare possibili infortuni che potrebbero gravare sull’inizio di campionato. “Onestamente rispetto lo scorso anno non ho cambiato molte cose perchè mi sentivo bene e in forma. L’unica cosa che ho fatto è stato usare di più la moto a dicembre e meno in gennaio per non rischiare, ora per Sepang continuerò con la stessa preparazione”. 

  •   
  •  
  •  
  •