Ritiro Pedrosa: “Non posso continuare a correre in questo modo” [video]

Pubblicato il autore: L@Je58 Segui

pedrosa_8

Dopo la gara del Qatar, Dani Pedrosa ha sorpreso tutti quando in un’intervista ha annunciato il suo ritiro dalle corse per un problema all’avambraccio che sembra non dargli tregua. È dallo scorso anno che vado avanti con questo problema e in ogni gara ho sempre fatto tanta fatica e non ho mai potuto correre come volevo. I miei risultati sono stati altalenanti proprio per questo motivo. Per tutto questo tempo ho cercato di rimediare ma non è stato facile perchè non ho mai avuto delle risposte positive. Mi sono operato dopo Jerez e non è andata bene. Non ho mai voluto parlarne in pubblico ma Honda è sempre rimasta al corrente. Quest’inverno ho viaggiato molto per sentire il parere diverso dei dottori, per sapere se avrei potuto sottopormi ad un ulteriore intervento chirurgico ed essere pronto ad iniziare il campionato. Mi hanno consigliato di non operarmi per evitare il peggioramento del braccio. Ho seguito il loro consiglio e ho cercato un allenamento non aggressivo. Oggi mi ritrovo in questa pessima situazione. Sapevo di non sentirmi bene ma non avevo alternative. Ora che la gara è terminata ho visto che non riesco a correre come so di poter fare e devo decidermi a trovare una soluzione per risolvere questo problema. Non posso continuare in questo modo quindi ora la mia priorità è quella di sistemare il braccio anche se non so cosa accadrà poichè come ho detto, i dottori non sanno cosa fare. Spero di avere delle notizie presto, mi metterò di nuovo in viaggio per farmi visitare da altri dottori. Voglio concludere ringraziando i miei sponsor che mi hanno supportato in questi momenti difficili e tutti i miei fans“. 

Non è ancora sicuro chi sarà il suo sostituto per il gran premio di Austin, anche se Honda ha fatto il nome di Hiroshi Aoyama. La Motogp perde un tassello molto importante, speriamo di vederlo tornare presto: in bocca al lupo Dani!

Il video dell’intervista a Pedrosa di SKY.

  •   
  •  
  •  
  •