Contatto Marquez-Rossi “Marc non si fa intimidire, ma se mi avesse fatto cadere…”

Pubblicato il autore: L@Je58 Segui

uploads--1--2015--04--74274-valentino-rossi-maradona-motogp-menang-dramatis-di-gp-argentina-pakai-jersey

Contatto Marquez-Rossi: da domenica non si parla di altro, come se il motomondiale si fosse già concluso in Argentina. Tutto questo perchè molti delle testate giornalistiche, ritengono il pilota una macchina piùttosto che un essere umano. Già perchè in un attimo un pilota o lo si osanna o lo si infanga. Viene lecito chiedersi: e se al posto di Vale ci fosse stato un altro pilota? Sarebbe nato tutto questo putiferio? E subito i telecronisti non aspettano altro che far nascere la polemica, cercando di far battibeccare i diretti interessati. “Di chi è la colpa?” domanda inutile di un giornalista di Sky a Marquez, sperando così di ottenere la risposta che avrebbe scatenato ancora di più i rotocalchi. Marc invece, ha risposto da persona matura: “Non è colpa di nessuno, sono incidenti di gara”. Polemiche a parte, il nove volte campione del mondo, Valentino Rossi ha regalato ai suoi tifosi una gara emozionante nel gran premio di Argentina, anche se sarebbe stata ancora più avvincente se Marquez non fosse caduto e i due fossero arrivati a giocarsi la vittoria fino al traguardo.
Per il suo diretto rivale, è il secondo errore in tre gare (se contiamo l’uscita del gran premio del Qatar), ma Valentino, al sito tedesco Speedweek, ha dichiarato che Marc non è uno che si fa demoralizzare dagli scarsi risultati.
Non penso che sia il tipo che si fa intimidire o confondere dai risultati che scarseggiano, ritroverà la sua forma. Era importante però fargli capire che siamo davvero in grado di essere competitivi per la gara. Ci stiamo allenando duramente e una pole position sarebbe fantastica ma siamo sempre pronti a gareggiare. Sarà una bella lotta”. Il rivale favorito resta Marquez ma Valentino è rimasto sorpreso dai progressi che sta facendo Andrea Dovizioso:
“Al momento Andrea è il pilota che si trova a soli 6 punti dietro di me, ha iniziato una stagione quasi perfetta. La stagione è ancora lunga: Marquez sa come recuperare, e mi aspetto anche Jorge, Cal e Iannone. Jorge ha avuto dei problemi ma sa essere molto forte”.
Riguardo al contatto in gara, Vale non ha dubbi: “Ho riguardato il video e ha sbagliato lui. Marc è uno che o è 100 o è 0, da sempre tutto e questa volta gli è andata male. Se mi avesse buttato a terra sarebbe stato un problema…“.
Ha lasciato un pizzico di curiosità e di mistero il siparietto in cui Rossi indossa la maglia di Maradona con il numero 10. Infatti per molti, il 10 non è riferito al “pibe de oro”, bensì a un possibile decimo titolo che il Dottore aveva definito essere il suo target per questa stagione. Rossi invece, come sempre cerca di sviare e con un sorriso ha riparato così:
“No, non è per quel motivo. Il 10 è il numero di Maradona. Volevo già indossarla lo scorso anno ma non ci sono riuscito, così l’ho rimessa in valigia e ho detto “spero di poterla indossare quest’anno.

  •   
  •  
  •  
  •