Gp Argentina: conferenza stampa Motogp

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

press conference

Come ogni giovedì, ha luogo la conferenza stampa dei piloti Motogp che anticipa il weekend motoristico che questa settimana fa tappa in Argentina, sul circuito di Termas de Rio Hondo.
Alla conferenza odierna erano presenti: Marc Marquez, Valentino Rossi, Andrea Dovizioso, Aleix Espargaro, Cal Crutchlow e Yonny Hernandez.
Valentino Rossi attualmente è primo in classifica con 41 punti e ha dichiarato nuovamente che per il momento questa posizione non è importante anche se da la carica giusta per poter continuare in questa direzione: “Non significa molto ma ci fa capire che siamo partiti nel modo migliore. Sicuramente avere 41 punti dopo la gara di Austin e tornare subito in pista aiuta a rimanere concentrati. Dalla nostra abbiamo che il circuito argentino si adatta molto bene alla Yamaha, contrariamente ad Austin. Lo scorso anno non ero andato male, anche se non sono salito sul podio. Il tracciato mi piace, ho due avversari forti come Andrea (Dovizioso) e Marc ma sono fiducioso di poter fare un’altra bella gara. Speriamo che il meteo ci dia buone notizie e che la pista sia migliore rispetto allo scorso anno. Qui i fans sono calorosissimi, a volte è difficile ma è bello così”.gf
A Vale è stato poi chiesto quanto è stato difficile cambiare lo stile di guida, e lui scherzosamente ha risposto: Quando ho iniziato a correre era ancora in bianco e nero! Ma scherzi a parte, la Motogp è cambiata tantissimo, in particolare l’elettronica e le gomme Bridgestone. Ho cambiato lo stile di guida anche ispirandomi a Marquez e a Lorenzo che guida la mia stessa moto. Ma ogni pilota ha un proprio stile di guida”.
Durante la conferenza è stato poi toccato un tema top secret: le due Ducati di Iannone e Dovizioso dopo aver tagliato il traguardo ad Austin, si sono spente durante il giro d’onore. La prima ipotesi è stata la mancanza di benzina (che guarda caso arriva proprio quando alla Ducati è stata inflitta la “penalità” della direzione gara di 2 litri di carburante in meno in seguito ai buoni risultati ottenuti). Dovizioso però ha risposto senza tanti giri di parole: “Non abbiamo finito la benzina, riguarda un’altra cosa di cui ora non mi va di parlare”. Il dubbio rimane…
Riguardo i risultati finora ottenuti il Dovi ha aggiunto:L’inizio di stagione è stato perfetto due secondi posti, e il secondo posto in campionato sono un ottimo modo per iniziare. Qui lo scorso anno non abbiamo ottenuto un buon risultato ma è stato un weekend difficile perchè abbiamo avuto dei problemi con le gomme ed il cambio. Quest’anno è fondamentale partire bene da subito, la nuova moto ha già una buona base ma c’è ancora del lavoro da fare, tuttavia sono solo dei dettagli. Dobbiamo lavorare sulla trazione e poi potremo essere al top; spero che il meteo sia bello”.
Andrea ha poi parlato del rapporto con il team: “Quando sono arrivato in Ducati, era un momento difficile ma adesso c’è una grande armonia e le relazioni in squadra sono migliori”.
hMarc Marquez, dopo l’errore in Qatar si è pienamente riscattato nel weekend di Austin e sulla gara di domenica ha dichiarato: “Lo scorso anno ho vinto ma non è stata una gara facile, soprattutto all’inizio. è importante lavorare bene da subito anche se non sarà semplice quest’anno: gli avversari sono forti e ci sarà una bella lotta. Ho capito che sarà un campionato diverso dal 2014, ma non si possono vincere tutte le gare. A me piace la battaglia“.
Per Cal Crutchlow è la prima volta sul circuito di Rio Hondo, poichè lo scorso anno non ha partecipato a causa di un infortunio: “E’ molto bello essere qui, i fans ci hanno accolto calorosamente. Lo scorso anno ho seguito la gara da casa ma è stato un dei gran premi più belli del campionato. Spero di poter fare bene già dalle prove libere, dal momento che qui non ho mai corso e questo è un nostro svantaggio. Quando ho testato qui, non c’era grip perchiò ci sarà del lavoro da fare ma non vedo l’ora di cominciare”.
Il pilota che ha registrato il terzo miglior tempo nella gara di Austin, nonostante la notevole mancanza di potenziale della sua Suzuki GSX-RR è stato Aleix Espargaro. Il pilota spagnolo spera di potersi migliorare ulteriormente in questo weekend: “Avremmo preferito un buon risultato anche in Qatar ma abbiamo preso dei punti importanti, anche se fatichiamo sul rettilineo. Siamo molto contenti del lavoro che stiamo facendo, ma dobbiamo lavorare ancora molto per poterci avvicinare ai piloti davanti”.
Infine, in occasione del gran premio argentino, Yonny Hernandez ha cambiato la grafica del suo casco: “E’ un’edizione speciale per la gara, dal momento che mi sento come a casa e lo dedico a tutti gli argentini e ai latini americani”. Voglio arrivare nella top 10 e fare un buon risultato per i miei fans e per la mia gente”.

  •   
  •  
  •  
  •