Gp Jerez, Rossi e Marquez scherzano in conferenza stampa. Vale: “Forse gli darò meno baci”

Pubblicato il autore: L@Je58 Segui

2015_3001_spa_mgp_thu_pressconference.middle

Finalmente è arrivata la tanto attesa conferenza stampa per mettere a tacere tante testate giornalistiche che davano ormai Rossi e Marquez nemici. Oggi pomeriggio infatti alle 17 erano presenti oltre a Valentino e Marc, Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo, Cal Crutchlow e Bradley Smith.
Grazie al sito GPONE, possiamo svelarvi il siparietto “Rossi-Marquez”:
“Giornalista: Dopo la gara in Argentina Marc ha detto che da te si impara sempre qualcosa….
Rossi: l’Argentina è stata una gara interessante perché abbiamo usato strategie diverse. Peccato che alla fine ci siamo toccati, sarebbe stato bello lottare fino alla fine
Giornalista: Marc, Valentino è stato un po’ aggressivo?
Marquez: no, ho sempre detto che siamo qui per fare le gare e queste cose in gara accadono . Questa volta sono stato sfortunato io la prossima volta può essere diverso.
Giornalista: la vostra relazione è cambiata dopo quell’episodio?
Rossi: (ride e guarda Marc) Vado io?
Marquez: vai…
Rossi: no non è cambiato molto: forse gli darò meno baci (risate)
Marc: no, non è cambiato nulla
Giornalista: Valentino, in passato però le tue relazioni con altri piloti, Biaggi e Gibernau per esempio, sono cambiate dopo un’incomprensione.
Rossi: Beh, con Biaggi non è che i rapporti siano mai stati troppo buoni…(risate) quindi sono sempre rimasti più o meno uguali. Con Sete sono cambiati perchè secondo me in Qatar ha giocato sporco, facendomi partire in ultima posizione… Però adesso siamo di nuovo amici.
Giornalista: Jorge, tu cosa pensi del contatto?
Lorenzo: ero troppo indietro, non ho visto niente
Giornalista: Tu cosa ne dici Cal?
Crutchlow: Onestamente non me frega niente visto che ci ho guadagnato un podio! (risate)

I piloti poi hanno parlato del weekend di gara, in occasione del quarto gran premio del calendario sul circuito di Jerez. Il primo a prendere la parola è stato il leader della classifica, il Dottore.
“Sono contento di tornare in Europa e in particolare a Jerez, uno dei circuiti più belli del calendario, sia per l’atmosfera dei tifosi che per il tracciato, il suo disegno e le sue curve. Dobbiamo restare concentrati sul setup di gara. In Argentina è stata una bella gara perchè la strategia delle gomme ha funzionato, peccato che Marc sia caduto, sarebbe stata una bella lotta. Qui a Jerez nell’ultima curva ci sono state delle belle battaglie, e non so se è meglio inseguire o entrare. Sicuramente sarà avvantaggiato chi è messo meglio in frenata. Nonostante i miei 36 anni ho ancora voglia di gare, la vittoria ti da qualcosa di indescrivibile“.
Marc Marquez dopo l’infortunio della scorsa settimana mentre si allenava con il dirt track ora dovrà lavorare duramente per non commettere più errori che possano allungare ulteriormente il distacco da Rossi in classifica.
Sono stato fortunato a rompermi soltanto il mignolo, domani proverò a scendere in pista. Non potevo rinunciare all’affetto dei miei fans, loro sono uno stimolo in più. In Argentina la nostra tattica era buona ma Valentino era troppo forte, ma le corse sono così. Ho imparato da questo, è stato un incidente di gara”.
A soli 6 punti di distanza da Rossi, c’è un altro italiano, Andrea Dovizioso che già in un’ intervista precedente aveva dichiarato che Jerez è una pista difficile per lui e per la Ducati: “Le prime tre gare sono state fantastiche ed è bello essere vicini al primo posto in classifica. Non abbiamo ancora avuto tanto tempo per lavorare sulla trazione e in frenata. Per la vittoria è necessario fare un ulteriore passo in avanti. Jerez sarà fondamentale per la nostra crescita”.
Anche Jorge Lorenzo è motivato dai suoi tifosi, ed è fiducioso per la prima gara in Europa: “Io voglio lottare per il podio, per questo l’inizio di campionato non è stato dei migliori. La moto è più competitiva e dobbiamo attaccare anche se il livello dei nostri avversari è molto alto. Anche se stai lottando per la vittoria, in un attimo puoi trovarti dietro“. Dopo il terzo posto in Argentina, Crutchlow continua a migliorarsi tanto da essere stato finora il miglior pilota satellite in griglia.
“Mi ritengo abbastanza soddisfatto del podio a Termas de Rio Hondo, anche se sono arrivato terzo perchè è caduto Marc. Dobbiamo lavorare per migliorare il ritmo e per essere veloci già nei primi giri“.
Infine la parola va all’inglese del team Yamaha Tech3, Bradley Smith che vuole entrare nella top 5 dopo i 2 sesti posti consecutivi:
“Ho fatto delle belle gare qui ma domenica le temperature saranno molto alte. Voglio essere più costante e migliorare in qualifica, così da essere avvantaggiato per la gara“.

Le prime due sessioni di prove libere della Motogp saranno domani alle 9:05 e alle 14:05.

  •   
  •  
  •  
  •