Motogp, Ducati non vuole parlare di crisi

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

dovizioso-iannone-765x510

E’ stato un weekend difficile per la squadra di Borgo Panigale, a cominciare dalle qualifiche; in gara non potevamo pretendere di più. Ha salvato il salvabile Andrea Iannone con un ottimo quarto posto che incrementa maggiormente la sua terza posizione nella classifica mondiale. Per il Dovi invece, ancora un problema meccanico, che non ha potuto fargli ottenere di più della 12esima posizione. Viene da chiedersi come mai questa “crisi” dopo il positivo inizio di campionato. I due piloti ufficiali però non vogliono cercare scuse.

Andrea Iannone: E’ un quarto posto molto importante, è vero non sono le posizioni che ci spettano ma qui abbiamo fatto meno fatica rispetto a Barcellona. Non vogliamo arrenderci e cerchiamo di reagire e vedere il lato positivo, la gara non è andata male, soprattutto in partenza, ma poi ho perso tempo con Aleix e Pol Espargaro. Se non fosse stato per loro, forse avrei potuto giocarmela con Lorenzo. Non ci siamo fermati, veniamo da due piste sfavorevoli per la Ducati GP15 e con questo non si può parlare di moto non più competitiva. Non abbiamo problemi, ma i nostri avversari sono molto più forti, inoltre non dobbiamo dimenticarci che i nostri tempi sono nettamente migliori rispetto allo scorso anno“.
Andrea Dovizioso: Non mi piace parlare di sfortuna perchè penso che sia un modo per nascondersi, però in questa stagione me ne capitano di tutti i colori! In questa gara ho avuto un problema con la rottura del codone vicino alla sella. Questo ha causato delle vibrazioni sul davanti. Ho dovuto rallentare, non avevo scelta. Peccato perchè stavo guidando bene e avrei potuto raggiungere Iannone e lottare per il quarto posto. Però può succedere… Ora dobbiamo solo pensare a restare calmi, non serve arrabbiarsi. Continuiamo a lavorare analizzando anche quello che è successo”.

  •   
  •  
  •  
  •