Motogp, Lorenzo: “Marc ha più tifosi di me” e sul titolo confessa…

Pubblicato il autore: L@Je58 Segui

807777e097df729ac79e6aac228d4538_XL

Jorge Lorenzo, ha rilasciato un’intervista ai microfoni del programma radiofonico “El Larguero” dove ha parlato un pò di sè, del suo carattere, dell’approccio alle gare della MotoGp e del confronto con Marc Marquez.
“Quando le cose vanno bene, diventa tutto migliore automaticamente. Probabilmente la proporzione moto-pilota è al 50%, non come nelle macchine. Il dominio Yamaha è diverso da quello della Mercedes in F1. Le nostre vittorie non sono facili, non facciamo le pole facilmente, sono dei trionfi lottati e con tanto lavoro“.
Jorge ha commentato poi i fischi ricevuti durante il podio dopo la vittoria in Catalunya: Potevo avere il 70/80 % dei tifosi di Rossi ma mi vedono come un suo nemico e mi temono, per questo mi hanno fischiato“. Lorenzo ha inoltre aggiunto che se non fosse lui a vincere il mondiale, preferirebbe che lo vincesse il suo compagno di squadra, Valentino Rossi.
“Senza alcun dubbio. Sono spagnolo come Marquez però io devo guardare la mia squadra, che è la Yamaha. Se io non ho più possibilità di vincere e devo aiutare Valentino a battere le Honda, lo farò. L’arrivo di Marquez in Motogp ci ha fatto salire di livello, ci ha obbligati a migliorare e ad andare più veloce per vincere le gare”. I confronti tra piloti sono a dir poco odiosi, ma tra i due piloti spagnoli, a detta di Lorenzo, c’è un abisso. Marc ha più tifosi di me. Forse è per il carattere, la mia personalità è forte ed è difficile che possa piacere a tutti. Inoltre, Marc e Dani hanno uno sponsor che investe molto nella pubblicità, nei media e anche questo conta”. Parlando di personalità forti, Lorenzo spende una parola sulla stella del Real Madrid, Cristiano Ronaldo: “Per come lo vedo io è ossessionato nel cercare sempre di migliorarsi, in tutti gli aspetti e io mi rivedo molto in questo. Tutti abbiamo dei limiti e dei difetti però lui cerca ogni giorno di essere migliore”.

Il video dell’intervista a Jorge Lorenzo.

  •   
  •  
  •  
  •