Conferenza stampa Motogp, Rossi: “Voglio le vacanze!”

Pubblicato il autore: L@Je58 Segui

__gp_1765_0.middle

Nona tappa del calendario Motogp che si apre come di consueto con la conferenza stampa dei piloti della classe regina. I piloti presenti erano: Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Marc Marquez, Aleix Espargaro, Cal Crutchlow, Andrea Iannone e Stefan Bradl che non parteciperà alla gara ma ha comunque voluto essere presente nel gp di casa.
Il primo a parlare nella conferenza stampa è stato Valentino Rossi che arriva al Sachsenring (dove ha vinto tre volte in Motogp) motivato e impaziente di andare in vacanza: “Si, sono molto contento delle prime otto gare e in particolare dei punti. Questa gara è molto importante perchè è la nona gara e quindi dopo domenica saremo a metà campionato. Sarà un punto importante per capire le cose positive e negative. Poi avremo un pò di vacanza che farà bene a tutti perchè potremo tornare più concentrati per la seconda parte del campionato”. Rossi ha poi scherzato: “Dopo domenica possiamo staccare la spina, le vacanze sono facili, devi solo rilassarti! E’ più difficile correre”.
Con quattro secondi posti, il Sachsenring è uno dei pochi circuiti nei quali Jorge Lorenzo non ha mai vinto. “È vero, qui non ho mai vinto, in dodici anni di Motomondiale, solo qui e ad Austin. Non è mai troppo tardi per provarci e sicuramente proverò a vincere ora e nel futuro. Sarà importante lavorare bene fin dalle prime prove libere ed avere un buon feeling senza altri problemi. In alcuni settori ad Assen avevamo grossi problemi perciò il mio obiettivo è partire forte e migliorare un pò alla volta”.
Per Marc Marquez invece, la pista tedesche è una delle sue preferite qui infatti ha dominato dal 2009 in tutte le classi. Assen, tralasciando l’episodio dell’ultima chicane (e sarebbe anche ora), è stata comunque una gara positiva poichè il campione del mondo, grazie al telaio 2014, è riuscito a recuperare quel feeling che era mancato nelle ultime gare. “Per me, dopo due zeri di fila del Mugello e del Montmelò, essere salito sul podio ad Assen è stata come una vittoria perchè è stato un buon risultato, una bella gara e sono tornato ad avere il feeling giusto. Ora sono abbastanza fiducioso e voglio tornare al top”.

Andrea Iannone è un altro pilota che ha avuto un buon inizio di stagione, finendo nella top 5 in tutte le gare (fatta eccezione per un gp). Per la GP15 quella del Sachsenring sarà una sfida curiosa, poichè non ha mai testato qui. Ecco le sue dichiarazioni nella conferenza stampa: “Sicuramente è un buon inizio di campionato e sono molto contento di questo. Questo è stato possibile perchè la GP15 è migliorata, ma sono migliorato anche io. Lo scorso anno per me è stato difficile e ora posso lottare per la top 5. Il Sachsenring è un circuito molto strano e corto ma è molto interessante perchè sarà la prima volta per la GP15 e sono molto emozionato, perchè è una sorpresa, spero che la moto sia competitiva e che possiamo lottare davanti”.
Anche per Cal Crutchlow la gara di Assen è stata positiva poichè ha ottenuto punti importanti, ma il pilota inglese vuole di più:Assen non è stata una brutta gara perchè ho concluso sesto dopo tre gare negative. Il team ha fatto un buon lavoro ma credo che avremmo potuto fare meglio. È bello essere al Sachsenring, una pista che mi piace, sono fiducioso e speriamo di migliorare”.
Per questa gara, la Suzuki avrà una livrea speciale per celebrare il 30esimo avversario; Aleix Espargaro sta facendo una stagione più che dignitosa, in particolare nelle ultime gare dove in qualifica la Suzuki dimostra di avere un gran passo: Sono molto contento della performance di quest’anno perchè con una moto nuova siamo vicini ai top e questo è positivo per me e la Suzuki. Non lo sono altrettanto per i punti, siamo molto lontani ma credo che la colpa sia anche della sfortuna. Tuttavia sono contento del feeling e della mia prima stagione in Suzuki. Ci stiamo avvicinando. Se guardiamo dov’eravamo all’inizio, non credo che nessuno avrebbe mai immaginato questo progresso. Sia io che Maverick stiamo lavorando sodo, e sappiamo dove e cosa dobbiamo migliorare”.
Questo weekend Stefan Bradl non indosserà tuta e casco, ma seguirà la gara da spettatore: Non aveva senso provare a correre qui, non riesco nemmeno a guidare lo scooter per il paddock, perciò non aveva senso correre. Si tratta dello scafoide e come ben tutti sanno è tosta come frattura. Mi sono operato lunedì e tutti i dottori mi hanno detto che sarei stato stupido a provare e correre“.

  •   
  •  
  •  
  •