Gp Aragòn, Marc Marquez: “Chiedo scusa al team e ai tifosi”

Pubblicato il autore: L@Je58 Segui

665

Quinto zero in quattordici gare disputate: se le cadute precedenti di Marc Marquez ( Argentina, Mugello, Catalunya, Silverstone) erano imputabili ad una mancanza di grip al posteriore della Honda RC213V, il campione del mondo si è assunto la responsabilità per la caduta di ieri al secondo giro del gran premio di Aragòn.
“Questa volta no, è stato un mio errore” ha risposto Marquez quando gli è stato chiesto se la causa della caduta era il motore.
Oggi posso solo chiedere scusa al team e ai tifosi perchè stavamo lavorando bene e avevamo un buon passo per tutto il weekend. Al secondo giro, quando stavo frenando per la curva 12 ho fatto un errore e ho perso il davanti. E’ stata colpa mia e chiedo scusa. Forse per il fatto che non avevo più niente da perdere e che ero nella gara di casa, ho spinto troppo. Non era necessario perchè in un giro avevo già raggiunto Jorge. Può essere stato anche a causa del serbatoio pieno e delle gomme non ancora in temperatura ma ho fatto io l’errore. Ho perso l’anteriore e mi dispiace. Quando non è la tua stagione non va niente per il verso giusto. Dall’altro lato sono molto contento per il team perchè abbiamo lavorato bene per questa gara, sentivo di avere il passo e il setup giusti per la vittoria. Ma per battere Lorenzo, ho dovuto spingere alla partenza. Dani e Valentino hanno perso da Jorge nella prima parte della gare e poi avevano la stessa distanza da lui alla fine. Sapevo che con le gomme nuove sarei stato molto veloce. Ma forse ho provato ad andare via troppo velocemente. La prossima volta quando perdo alla partenza devo recuperare la distanza passo dopo passo. La chiave giusta è di stare attaccato a Jorge dalla prima curva”.

Ad Aragon c’è stata la seconda caduta dopo che Marc Marquez è passato al telaio 2014 ad Assen, sette gare fa. Nel frattempo ha vinto quattro volte. Nonostante lo zero di ieri, una Honda Repsol è comunque arrivata sul podio, quella del suo compagno di squadra, Dani Pedrosa che ha ottenuto un secondo posto dopo un avvincente duello con il leader del campionato, Valentino Rossi.

Dani ha fatto una gara fantastica. Credo che Aragòn e la Malesia sono tra le sue piste preferite e dove è molto competitivo. Ma da quello che ho visto, perchè sono riuscito a seguire quasi tutta la gara, ha fatto fatica nei primi giri con l’anteriore e poi negli ultimi giri con il posteriore. La Yamaha era un passo avanti perchè Valentino lo riprendeva sempre in accelerazione ma ha fatto benissimo gli ultimi giri e mi sono divertito a guardarlo dalla TV”-

Marc era già consapevole di non avere più possibilità per portarsi a casa il terzo titolo di fila, resta terzo in campionato ma ora i punti da Rossi sono 79. La performance di Lorenzo, ha ridotto il vantaggio di Valentino a 14 punti. Ecco il punto di vista di Marc Marquez:

Abbiamo già detto ed è facile vedere che Jorge è più veloce. Ma Valentino riesce a prendere il 100% del profitto. Forse non si aspettava Dani. Ha fatto un ottimo lavoro perchè ha preso 16 punti ma Jorge a Silverstone era il più veloce, a Misano lo stesso e qui anche era uno tra i più veloci. Perciò sembra che in condizioni normali Jorge è più veloce, ma non si può mai sapere perchè nelle prossime piste (Giappone, Australia, Malesia e Valencia) può piovere”.

La stagione di Marc Marquez dopo 14 gare:

Qatar: quinto posto
Austin: vittoria
Argentina: ritirato
Jerez: secondo posto
Le Mans: quarto posto
Mugello: ritirato
Catalunya: ritirato
Assen: secondo posto
Sachsenring: vittoria
Indianapolis: vittoria
Brno: secondo posto
Silverstone: ritirato
Misano: vittoria
Aragòn: ritirato

 

 

  •   
  •  
  •  
  •