Gp Misano, ennesimo tifo da stadio

Pubblicato il autore: L@Je58 Segui

ARP4275034-kBzG--688x458@Gazzetta-Web_mediagallery-article

Purtroppo ormai in occasione dei gran premi in Italia, il tifo da stadio la fa da padrone. Come già accaduto quest’ anno al Mugello con il boato della tifoseria di Valentino Rossi per la caduta di Marc Marquez e i fischi durante la celebrazione della vittoria di Jorge Lorenzo, ieri a Misano ancora una volta i protagonisti sono stati loro: gli incivili che dopo il volo rocambolesco di Jorge Lorenzo, non si sono minimamente interessati delle condizioni del pilota e hanno esultato come se in quella gara si fosse già deciso il mondiale. Peccato che Jorge ha riportato una brutta contusione alla mano e un giramento di testa. Come se non bastasse la stessa mandria di fanatici si è poi trasferita sotto il podio gridando “Vale, Vale” durante la premiazione di Marquez con lo spagnolo che guardava “divertito” la scena.

Tralasciamo i commentatori Sky e Cielo che nella maggior parte delle volte sono costretti a recitare un copione, considerato lo sponsor… È davvero inconcepibile che si debba essere contenti se il rivale del proprio idolo cade con il rischio di farsi del male. Ancora di più a Misano, nel circuito intitolato a Marco Simoncelli, vittima anche lui della cattiveria dei tifosi spagnoli che sono arrivati addirittura a minacciarlo. Troppo spesso ci si dimentica che i piloti, questi eroi che rischiano la vita per inseguire un sogno, sono prima di tutto persone e considerato il fatto che questo sport ci ha già fatto vivere delle tragedie come quella del Sic, di Daijiro Kato, Shoya Tomizawa, Andrea Antonelli, Doriano Romboni e molti altri… Bisognerebbe portare più rispetto e ringraziare ogni singolo pilota, dal primo all’ ultimo per le emozioni che ci fanno vivere.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: