Motogp Aragòn, Lorenzo: “Fondamentale battere Vale”; Rossi: “Il mondiale più difficile”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

hb

Motogp Aragòn, le impressioni di Jorge e Vale alla vigilia del gran premio.

Jorge Lorenzo deve necessariamente battere Valentino Rossi ad Aragòn se vuole riavvicinarsi per la lotta al titolo mondiale. Dall’inizio della seconda parte del campionato, il maiorchino ha dimostrato di avere un passo sempre costante, a cominciare dalle prove libere. Soltanto a Misano è arrivato il primo zero della stagione, un risultato dal quale potrebbero dipendere le sorti del mondiale. A cinque gare dalla fine non è ancora tutto perso, ci sono ancora 125 punti in gioco.
La gara di Aragòn per me è importantissima perchè a seconda del risultato sarà più facile o difficile vincere il titolo. Per questo motivo è importante che qui arrivo davanti a Valentino. Poi ci saranno le tappe extraeuropee che sono impegnative e ho sempre la sensazione che lì possono succedere tante cose. Non so perchè ma ho quest’impressione. Perciò l’obiettivo per questa domenica è di arrivare davanti a Vale e poi vedremo le prossime gare”.

Rossi crede che questo weekend non è diverso dai precedenti round in Europa, ma le tre tappe di fila (Giappone, Australia e Malesia) saranno critiche per l’esito del campionato.
“Per me questa è come Misano, Silverstone o Brno. Perchè prima di tutto siamo ancora in Europa, è più facile il viaggio e solo per un weekend. Quindi parti da casa, arrivi qui e sai già cosa devi fare. Hai tre giorni in cui devi dare il 100% ma poi hai una settimana per rilassarti. La differenza ci sarà quando dovremo affrontare le tre gare fuori dall’Europa perchè ci sono feeling diversi, devi organizzare il viaggio e cercare di organizzarti la vita per essere pronto e rilassato nei momenti in cui devi salire sulla moto. Poi saranno tre gare di fila e saranno fondamentali per il campionato. C’è più stress e sono più difficili da gestire“. 

Jorge Lorenzo ha contribuito alla realizzazione del trofeo per il gran premio di Aragòn. Lorenzo-trofeo-Movistar-Aragon-2015-
“Al Montmelò ho riflettuto molto con il designer dei trofei Marc Garcia Rojals per trovare una buona idea e credo che la parte più rappresentativa del circuito sia proprio il grande muro di pietra. Credo che il risultato della nostra collaborazione sia abbastanza buono, il trofeo è molto bello, diverso da tutti quelli che abbiamo avuto finora. Sono molto contento di essere stato coinvolto in questo progetto e vorrei ringraziare Movistar per questa iniziativa. Spero di poterlo avere tra le mani domenica

Tornando al campionato, Rossi ha dichiarato di non aver mai avuto un rivale così forte dappertutto come  Lorenzo. Al Dottore è stato chiesto di confrontare questa stagione con una del passato. Ecco la sua risposta:

Con Jorge è molto difficile perchè lui è sempre molto veloce in ogni qualifica e in ogni circuito. Perciò se devo fare un confronto direi il mondiale che ho vinto contro lui nel 2009 o con Stoner nel 2008. Lì è stato il momento in cui ho dovuto andare il più veloce possibile contro un rivale che nello stesso tempo era veloce ovunque e in ogni condizione. Quindi direi di più la lotta con Stoner, anche se lui aveva una moto diversa mentre ora io e Jorge abbiamo la stessa moto. Se guardo ai campionati precedenti, era diverso con Biaggi e Gibernau perchè a quel tempo ero più forte di loro. Ora è l’opposto, quest’anno è il più difficile“. 

Durante la conferenza stampa è stato chiesto anche il parere di Marc Marquez su chi è il più forte tra Lorenzo e Rossi.
Direi che Jorge è più veloce perchè la sua velocità è buona ma dall’altro lato, Valentino sta dando il 100% ed è arrivato davanti a Jorge nelle ultime due gare. Sarà difficile e interessante perchè nelle tre gare di Motegi, Phillip Island e Malesia può piovere e sarà un punto interrogativo per tutti. Dal punto di vista della velocità è più forte Jorge ma sull’esperienza e sul saper gestire la situazione, Valentino“.

  •   
  •  
  •  
  •