Gp Malesia, Valentino Rossi: “Spero che ognuno faccia la sua gara”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

CSAwxvAVAAA5Fd1
Inizia con un piccolo vantaggio la rincorsa al decimo titolo mondiale di Valentino Rossi, che potrebbe già diventare campione del mondo domani. Il Dottore soffia la terza posizione al compagno di squadra, Jorge Lorenzo, proprio nelle fasi finali della qualifica. E’ la seconda volta dopo Assen che Rossi parte davanti allo spagnolo.

Sono contentissimo perchè la prima fila è sempre molto importante. Questa volta forse un pò di più perchè sono riuscito a battere Jorge all’ultimo giro con un piccolo distacco. Sono anche contento perchè abbiamo migliorato molto la moto, il setting e il passo che non era male. Abbiamo ancora dei punti su cui lavorare, per fare meglio ma sono soddisfatto perchè posso guidare bene la moto. In qualifica la strategia era OK. Ho cercato di usare tre pneumatici e ha funzionato, specialmente nell’ultimo giro che è stato buono perchè ho guidato più veloce, senza errori e ho migliorato un pò il tempo sul giro che è stato cruciale per essere nella top 3″. 

“Ma terzo, quarto, quinto alla fine non cambia molto e credo che domani la gara sarà difficile per tutti, in generale e anche la battaglia con Jorge perchè ha un buon passo. Anche il meteo non lo capiamo da giorni perchè non si vede niente! Può piovere stanotte e poi domani asciugarsi, cambiare le condizioni della pista. O non può piovere stanotte o domani. Spero che la gara sia asciutta ma dobbiamo essere pronti e preparati per tutte le condizioni”.

Durante la conferenza stampa è stato poi chiesto a Rossi se Marquez voleva prendere la scia, dal momento che stava guidando molto vicino. Marc ha detto che si è trattata di una coincidenza e Valentino ha aggiunto: Sinceramente non mi ricordo molto bene, ma sono d’accordo con Marc. Non c’è niente di strano, solo nelle FP3 ha rallentato perchè non voleva starmi davanti ma credo che sia normale, succede ogni volta”.

Ma sembra che anche Andrea Iannone abbia favorito Valentino Rossi… solo coincidenze?
Ero molto emozionato a fare un giro dietro a Iannone perchè solitamente è difficile. Molte volte è il contrario! E’ stato un buon giro perchè sono riuscito ad andare sotto il muro del ’59, che era il mio target per iniziare tra i primi cinque. Ma nello stesso tempo, capisco che posso fare meglio anche perchè ho fatto bene specialmente nel terzo turno. Perciò avevo già il piano di fare un altro giro, non lo vedevo dietro e sono stato fortunato, ero forte abbastanza per non farmi sorpassare da Andrea”.

 

Infine al Dottore è stato chiesto se non è arrivato il momento di lasciarsi alle spalle lo sfogo contro Marquez e di pensare al campionato:
“Non lo so… E’ ora di concentrarci sulla gara per tutti perchè è una gara importante. Spero che tutti i piloti facciano la propria gara, cercare di ottenere il miglior risultato e vedremo cosa succede”.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •