Gp Phillip Island, Lorenzo vs Rossi: la sfida si fa accesa. “Se vinco tutte le gare e Vale fa un errore…”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

20151008_lorenzo_rossi

3 gare al termine, 18 punti di distacco tra i due contendenti al titolo: Valentino Rossi e Jorge Lorenzo si preparano alla gara australiana in modi differenti. Il maiorchino vuole dare il tutto per tutto, mentre il Dottore vuole restare calmo. Chi dei due avrà ragione?

Jorge Lorenzo a Motegi si era forse illuso di poter battere Rossi sul bagnato e così facendo, se da un lato spingere fin dall’inizio è stato positivo per buona parte della gara, dall’altro si è rivelata una pessima idea poichè la gomma anteriore ha risentito di tutto questo. Stessa cosa per Valentino, ma come dare torto a due campioni che si stanno giocando il mondiale? Lorenzo a Phillip Island vuole dare il massimo per recuperare i punti che lo separano dal compagno di squadra nonchè rivale principale anche dopo gli ultimi screzi che ci sono stati tra i due. Jorge che dice di essere sfortunato ma veloce, mentre Valentino risentito da quelle parole controbatte sostenendo: Mi sembra irrispettoso nei miei confronti dare la colpa alla sorte. Anch’io potrei trovare delle scuse ogni volta che gli arrivo dietro, almeno venti per volta”. Nelle prossime tre gare ne vedremo delle belle se il clima all’interno dei box Yamaha Movistar è questo. E’ vero, l’inizio di Jorge Lorenzo non è stato positivo sia per problemi al casco, di salute e tecnici ma in più di un’occasione ci ha dimostrato di saper recuperare e lasciarsi le difficoltà alle spalle. L’ha fatto nel 2013 con l’infortunio alla spalla ad Assen, infortunata poi nella gara successiva, ha stretto i denti e ha corso. Perciò parlare ora di sfortuna a mio avviso è controproducente per lui.

“Dopo un’altra gara strana, ho perso dei punti importanti ma sono ancora un contendente titolo mondiale. E’ vero che 18 punti dietro a Valentino è un margine difficile da tagliare ma ci proverò con tutte le mie forze. Se riesco a vincere tutte le gare e Valentino commette qualche errore, vinco il campionato. Ora ci attende un’altra bella gara. Phillip Island è una pista che mi piace molto ma anche Vale si diverte  perciò sarà interessante. E’ un tracciato molto impegnativo per il setting della moto, anche perchè le condizioni meteo saranno un punto interrogativo. Dobbiamo essere pronti a tutto“.

Diverso è l’approccio di Valentino, non vuole fare calcoli sul suo vantaggio in campionato. Il Dottore guarda con fiducia alla gara di domenica poichè l’anno scorso fu proprio lui a vincere in Australia (anche se grazie alla caduta di Marc Marquez che in quel momento conduceva il gp con quattro secondi di vantaggio).

Spero in un weekend positivo come l’anno scorso e cercheremo di condurre una buona gara per arrivare sul podio e davanti a Jorge. Credo che sia meglio pensare al campionato gara dopo gara, concentrandosi su Phillip Island e cercare di raccogliere il meglio possibile. La pista è molto particolare. Mi piace, come del resto a gran parte dei piloti, ma è sempre difficile trovare il giusto setup e le condizioni spesso sono difficili perchè c’è molto vento e le temperature sono fredde”.

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •