MotoGP 2016: dopo il biscotto che mondiale ci aspetta?

Pubblicato il autore: Jessica C

Collagev“Archiviato” il mondiale 2015, proviamo a vedere quali saranno i pro e i contro della MotoGP 2016 !

BISCOTTO: indubbiamente le conseguenze si faranno sentire sia in termini di ascolti (probabile che molti appassionati non guardino più le gare con la stessa passione e quindi anche lo share dei rispettivi abbonamenti ne risentirà) sia tra gli stessi protagonisti del mondiale. Valentino Rossi ha deciso infatti di troncare i rapporti con i suoi acerrimi rivali, Jorge Lorenzo e Marc Marquez. Con il compagno di squadra si è incontrato la scorsa settimana in occasione della fiera del motociclo, Eicma, ma tra i due c’era un gelo che neanche al Polo Nord si vede!
Con il Cabroncito se da un lato ha voluto rimanere in società curando ancora il merchandising, dall’altro ha deciso di mettere la parola “fine” anche sul social network Twitter. Il Dottore infatti ha smesso di seguire sia Lorenzo che Marquez. Altro che stretta di mano… Indubbiamente Vale dentro di sè sta covando una grossa delusione, che potrebbe mutarsi in vendetta per il 2016: in questo caso si vedrà un Rossi più agguerrito che mai.

MICHELIN – ECU: i primi test hanno ancora evidenziato problemi: troppe cadute causate da un problema al pneumatico anteriore senza il minimo avvertimento. Il pilota si trova così in terra senza capire cosa sia successo. I tecnici della casa francese chiedono tempo, ma a furia di cadere i piloti perdono fiducia e non ci sono poi così tanti test per poterci lavorare.  “Abbiamo fatto un passo indietro”, stessa frase usata da Rossi e Marquez per descrivere il nuovo software ECU. Ovviamente i piloti sono ancora alle prime armi con la nuova elettronica, perciò prima di dare sentenze bisogna attendere i test di gennaio e febbraio.

STONER: Lascia Honda per ritornare alla Rossa di Borgo Panigale. Probabile che dietro al divorzio con Honda ci sia stato l’episodio della 8 ore di Suzuka, dove in seguito ad un guasto al cavo dell’acceleratore, l’australiano è caduto riportando la frattura di una tibia e la lussazione della spalla. Honda inizialmente aveva dato la colpa al pilota, salvo poi fare mea culpa…
E se a favorire il ritorno di Stoner ci fosse lo zampino della Dorna?  Per addolcire con un… “biscottino” (?) gli appassionati, delusi dalla fine di questo campionato che ha ancora tanti, troppi punti interrogativi. Casey, che ha firmato come tester e brand ambassador, non ha dichiarato se correrà qualche gran premio come wild card.

Questi sono i primi spunti del prossimo campionato, voi cosa vi aspettate dalla MotoGP 2016?

  •   
  •  
  •  
  •