Dani Pedrosa: “C’è ancora molto lavoro da fare”

Pubblicato il autore: Jessica C

1730425-36606734-640-360Dani Pedrosa crede che la Michelin debba migliorare la mescola più dura in modo da poter offrire dei riscontri positivi. Sia martedì che mercoledì il pilota spagnolo ha ottenuto il terzo tempo nei test di Valencia e si è detto soddisfatto per aver mantenuto lo stesso passo con la mescola di base, ma quando le temperature si sono alzate nel pomeriggio di mercoledì, con le gomme dure ha riscontrato qualche problema.

Al momento, con la mescola di base sembra che puoi fare molti giri per i test, non stiamo cercando tempi sul giro. Cerchiamo di testare l’elettronica e altre cose. Abbiamo bisogno di una gomma su cui possiamo lavorarci, che sia costante in modo da poter avere sempre lo stesso feeling. Quando cambi la mescola, un pò più dura, ci sono i problemi. Credo che da parte della Michelin si deve sistemare bene le mescole che possiamo usare per ogni tracciato, in temperature diverse. Quando sembrava più caldo qualcuno metteva la gomma hard e cadeva. Almeno con quella di base siamo riusciti a testare, si può fare una gara e mantenere il passo”.

Pedrosa ha dichiarato che è stato fatto molto lavoro anche sull’ elettronica Magneti Marelli:

“E’ la prima volta che Honda ha un’altra fabbrica che progetta l’elettronica sulla nostra moto. E’ abbastanza complicato. L’impennamento arriva quando non deve esserci, non è costante. Hai dei movimenti e non sai cosa sta succedendo perchè capita solo durante un giro e non in quello successivo. I tecnici hanno lavorato tutta la notte per migliorare il setting e ci siamo riusciti. Tuttavia la strada è ancora lunga. Non so di quante modifiche abbiamo ancora bisogno ma la priorità maggiore è continuare a lavorare”. 

Sia Dani Pedrosa che Marc Marquez hanno dichiarato che la nuova versione della RC213V ha più potenziale e un maggior controllo delle impennate, ma a causa dell’ elettronica, non si è ancora riusciti ad avere un riscontro completo del nuovo motore.

 

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •