Rossi-Lorenzo: non succede, ma se succede..DOVE VEDERLA

Pubblicato il autore: Antonio Orlando

Yamaha MotoGP rider Jorge Lorenzo of Spain (L) celebrates on the podium with his team mate Valentino Rossi of Italy after the Italian Grand Prix at the Mugello circuit, Italy, May 31, 2015. REUTERS/Max Rossi

Il momento è arrivato. La prova del nove è alle porte. Anzi, la prova del 46 se vogliamo, perché per Valentino Rossi sarà una vera e propria corsa contro il tempo. 30 giri contro 25 sfidanti, il Dottore contro tutti, partendo dall’ultimo posto. E’ questa la presentazione per l’ultima gara del motomondiale, è questo ciò che ha sancito il Tas di Losanna: Rossi partirà dal fondo dello schieramento di partenza.

Le polemiche che hanno avvolto il trio Rossi-Marquez-Lorenzo nel corso dell’ultima settimana sono state innumerevoli. Ognuno in ogni parte del mondo ha detto la sua, ognuno si è schierato a favore o contro i protagonisti; l’episodio ha coinvolto i più piccoli, ma anche i più grandi, le famiglie, gli sportivi e i non sportivi, i cantanti, i calciatori, gli attori e anche chi la MotoGp non l’ha mai seguita. Insomma non si è parlato d’altro in questa settimana e tutti sono stati, consapevolmente o meno, tirati dentro questo pentolone grazie ai tg nazionali, ai giornali e ai social. Ovviamente anche le parodie non sono mancate. Basti pensare alla canzone contro Valentino Rossi creata dal dj iberico Peter Base che lo ha accusato di essere scorretto e falso. “I don’t wanna make him crash, I just wanted make him lose time”, parte del testo della canzone. “Non sei una leggenda, Valentino. Non sei il Dottore, per favore nascondi la gamba”, continua ancora. Oppure consideriamo l’hashtag nato in favore di Valentino (#iostoconvale), usato da calciatori e cantanti che hanno appoggiato il Dottore sui propri profili. Ma soprattutto non possiamo dimenticare l’hashtag rivolto al pilota Andrea Iannone, invitato a far fuori gli avversari affinché il connazionale possa avere la meglio: #Iannone escilo.

Insomma tra ilarità e momenti senz’altro più cupi la settimana è così terminata. Rossi ha digerito la sentenza e ha dichiarato che con una buona dose di fortuna nulla è da escludere; Lorenzo, invece, entusiasta per il suo miglior tempo nelle qualifiche, scalpita nel tentativo di soffiare il titolo al suo compagno di scuderia. Marquez, invece, è sempre lì pronto a fare il terzo incomodo. Sappiamo bene che lo spagnolo è fuori dai giochi e se dovesse schierarsi dalla parte di uno dei due contendenti, appoggerebbe il connazionale Jorge Lorenzo, sebbene abbia aperto a Rossi la strada del chiarimento, durante una conferenza stampa. “Spero di poter parlare con Valentino”- ha detto Marquez.

Dal punto di vista delle tifoserie è già tutto pronto e pronto, come detto, non è solo il mondo della MotoGp. Infatti all’Olimpico di Roma il maxischermo trasmetterà la gara prima del Derby previsto alle 15:00. A Tavullia, invece, paese natio di Rossi scenderanno in piazza per seguire il proprio beniamino attraverso i maxischermi montati appositamente. Circa 6 mila persone sono previste dal sindaco Francesca Paolucci che crede possano decisamente aumentare. Per quanto riguarda gli sfidanti, chiaramente si trovano entrambi a casa, pertanto il supporto a Valencia sarà nettamente spagnolo.

Andiamo ad analizzare i dati tra i due sfidanti che a Valencia si contenderanno il titolo.

Rossi, in Spagna, è salito sul gradino più alto del podio nel 2003 con la Honda e l’anno dopo con la Yamaha; mentre Lorenzo ha vinto nel 2010 e nel 2013 ed è caduto nella gara del 2012 e 2014.

Per quanto riguarda invece l’impresa a cui è tenuto Valentino Rossi, è confortante per il Dottore sapere che compierla non sia una novità. Si, perché nel 2005 proprio a Valencia arrivò terzo dopo essere partito nell’ultima casella della quinta fila, mentre nel 2000 a Donington dal 13° posto arrivò 1°. A Sachsenring nel 2006 da 10° a 1°, nel 2007 ad Assen da 11° a 1°, nel 2010 a Sepang da 9° a 1°. Insomma ci ha abituati a rimonte sorprendenti.

Ricordiamo, inoltre che Rossi vince il mondiale se..

Lorenzo vince e lui arriva 2°

Lorenzo arriva 2° e lui 3°

Lorenzo arriva 3° e lui 6°

Lorenzo arriva 4° e lui 9°

Lorenzo arriva 5° e lui 11°

Lorenzo arriva 6° e lui 12°

Lorenzo arriva 7° e lui 13°

Lorenzo arriva 8° e lui 14°

Lorenzo arriva 9° e lui 15°

Lorenzo arriva 10° o più indietro

DOVE VEDERLA.

LA SFIDA ROSSI-LORENZO CHE INIZIERA’ ALLE 14.00 POTRA’ ESSERE VISTA (CON AMPIO PRE GARA) SU SKY SPORT MOTOGP (PER ABBONATI) MENTRE SU CIELO(CANALE 26 DEL DIGITALE TERRESTRE) E SU MTV8(CANALE 8 DEL DIGITALE TERRESTRE).

 

  •   
  •  
  •  
  •