Yamaha, Lin Jarvis: “Mi calmo con il gin tonic!”

Pubblicato il autore: Jessica C

rossi-lin-jarvis-jorge-misano2014All’indomani della disfatta di Valentino Rossi, il Managing Director di Yamaha Movistar, Lin Jarvis, ha dichiarato che adesso è ora di lasciarsi alle spalle le polemiche che hanno offuscato il finale della stagione 2015. Oltretutto questo putiferio che si è creato fa passare in secondo piano i due mondiali che ha conquistato la casa giapponese, sia come costruttori, che con il loro pilota, Jorge Lorenzo.

Riferendosi alle dichiarazioni con le quali il maiorchino avrebbe ammesso di essere stato aiutato dalle Honda di Marc Marquez e Dani Pedrosa in gara, Jarvis taglia corto:

“Non ho sentito che Jorge ha dichiarato questo. Ero in conferenza stampa, aspettavo che arrivassero tutti perciò credo davvero che è arrivato il momento di smetterla con le polemiche per quello che è successo, su chi l’ha fatto, dobbiamo parlare dei nostri campionati mondiali. Bisogna lasciarsi alle spalle quello che è accaduto in queste settimane e concentrarsi solo sullo sport. Vorrei dire che Valentino ha fatto una stagione favolosa e aver perso il mondiale per solo cinque punti, deve essere davvero difficile da accettare perchè era in cima alla classifica dall’inizio. Siamo molto soddisfatti, felici e vogliamo congratularci con entrambi i nostri piloti, Jorge e Valentino. Sfortunatamente sapevamo che solo uno di loro vinceva ed è un altro problema quando hai due grandi piloti nello stesso team. Anche quando vinci tutto, qualcuno non è contento, è andata così per vari motivi. Non puoi girare l’orologio, devi focalizzarti solo sul futuro”. 

Jarvis ha aggiunto inoltre che non ha motivo di dubitare delle dichiarazioni di Marquez e Pedrosa, secondo le quali non erano in grado di attaccare Lorenzo per la vittoria.

“Ho sentito le spiegazioni di Marc, Dani e Jorge e devo prenderle per buone. Non ho giudizi personali, ho guardato la gara, ma non ho avuto molto tempo per vederla o analizzarla. Ho ascoltato cos’ hanno detto e non ho motivi per andare contro di loro“.

Durante le domande dei media, Lin Jarvis ha scherzato dicendo che la sua passione per il gin tonic lo ha aiutato ad attraversare questi momenti difficili, con entrambi i piloti Yamaha a giocarsi il titolo.

Credo che se c’è una cosa che aiuta, è che non sono nè italiano, nè spagnolo. Sembra uno scherzo ma non lo è. Se riesci ad essere neutrale è molto importante perchè c’è molta influenza nazionalistica che può arrivare: se sei spagnolo, devi supportare la Spagna; se sei italiano devi supportare l’Italia, forse. Questo è un aiuto e ho molta esperienza in questo gioco. Ho avuto sia esperienze positive che negativa attraverso gli anni, perciò impari da questo e ti aiuta a restare calmo in situazioni che sono molto stressanti”.

“Non ho un rimedio ma mi piace molto il gin tonic, una cosa che aiuta a fine giornata!”.

“Si tratta di essere veri con sè stessi e anche non allarmarsi e cercare di trovare delle soluzioni che variano da persona a persona”

Tirando le somme, Lin Jarvis ha definito la stagione 2015 come un fantastico traguardo per Yamaha, considerato che quest’anno la casa giapponese ha festeggiato il 60esimo anniversario.

In generale è stato ovviamente un anno fantastico per noi, avendo vinto in totale 11 gare e guidando la classifica mondiale dall’inizio alla fine. Valentino è stato davanti dalla prima gara e in un certo momento Jorge ha eguagliato i punti. E’ stato un anno emozionante nel nostro 60esimo anniversario e so che al General Manager di Yamaha Tsuji è arrivato un ordine: “E’ il nostro 60esimo anniversario, DOVETE vincere il titolo”. Perciò per noi è particolarmente gratificante essere arrivati qui. Gli ultimi dieci giorni sono stati pesanti, non è mai facile gestire un singolo campione, figurarsi due! E’ stato difficile ma ci siamo riusciti e siamo molto contenti di essere qui e voglio congratularmi con Jorge per aver raggiunto il suo terzo titolo mondiale in MotoGP con noi“.

 

  •   
  •  
  •  
  •