MotoGP, Pernat: “Iannone come Valentino Rossi”

Pubblicato il autore: L@Je58 Segui

pernat-e-iannoneIl manager di Andrea Iannone, Carlo Pernat, sa perchè il suo pilota e Andrea Dovizioso sono così validi per la Ducati e aggiunge che c’è qualcosa che connette il pilota di Vasto, con Valentino Rossi.

Inizialmente, con quattro podi nelle prime cinque gare, sembrava essere Andrea Dovizioso la grande speranza di Ducati. Tuttavia, alla fine della stagione, la medaglia si è capovolta. Andrea Iannone ha battuto il suo compagno di squadra in classifica di due posizioni e con 26 punti di differenza. Gli italiani sono andati a punti 15 volte su 18 gare.

Pernat ha già lavorato con Max Biaggi, Loris Capirossi e Valentino Rossi quando era direttore del reparto corse Aprilia e dopo come manager individuale. Carlo inoltre è conosciuto in tutto il paddock come un osservatore privilegiato del mondiale.

Gigi Dall’Igna, direttore e designer Ducati, ha capito subito di che pasta era fatto Iannone, fin dal suo primo successo in 125cc con Aprilia. “Questo è vero, Gigi sapeva da tempo che Andrea è un pilota forte”, ha confermato Carlo Pernat in un’ intervista rilasciata a Speedweek.com. “E’ lui che l’ha voluto in squadra. Gigi è molto intelligente, sa riconoscere le differenze tra Iannone e Dovizioso. Sono entrambi adatti per gli aspetti tecnici dello sviluppo. Iannone in alcuni punti è più debole di Dovizioso, ad esempio la frenata, lui frena tardi rispetto agli altri piloti della MotoGP nella fase di decelerazione. Nella lotta invece è superiore. Non ha paura di nessuno, ama combattere come Valentino. Nel 2015 ci sono state molte occasioni. A Philip Island, Iannone è riuscito a sconfiggere un nove volte campione del mondo in un duello diretto”.

“Tempo fa proprio Valentino guardando in TV Iannone quando correva ancora in 125cc, disse che tutti avrebbero dovuto fare attenzione a lui perchè era molto forte. Lo stesso lo disse anche Marco Simoncelli“. Il 2016 sarà il secondo anno in una squadra ufficiale per Andrea, vuole dimostrare di essere un pilota vincente“.

  •   
  •  
  •  
  •