Berger: “La Formula 1 deve ispirarsi alla MotoGP”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

 

formula-1-2016-il-calendario-ufficiale-620x314“La Formula 1 deve imitare la MotoGP”, a dirlo è l’ex pilota McLaren e Ferrari, Gerard Berger.

Berger ritiene che ormai lo sport è troppo scontato e che la troppa tecnologia fa passare in secondo piano i piloti.
 Secondo lui i cambiamenti proposti per il futuro e che verranno discussi in occasione del prossimo meeting della FIA a Londra il prossimo venerdì, non saranno sufficienti.

“E’ un momento davvero difficile. Mercedes ha naturalmente fatto il suo dovere molto bene e merita ogni rispetto. Ma parlando da tifosi, vogliamo più battaglie, più tensione“, ha dichiarato Berger a Salzburg Nachrichten.
Ai miei tempi una vettura di Formula 1 era come una mina vagante. Abbiamo avuto le auto fino a 1.400 cv e senza cambio automatico, aiuti elettronici o aerodinamica come oggi. C’erano squadre dominanti in passato ma più ritiri; oggi invece non ci sono sorprese. In precedenza fino all’ultimo giro niente era sicuro e ai miei tempi, gli errori di guida venivano puniti. Oggi ci sono vie di fuga e con un pò di fortuna non perdono nemmeno una posizione.
E ‘ormai chiaro dopo la prima curva, chi vincerà la gara“.

Da qui il confronto con la MotoGP:
“Hanno 270 cv, 160kg in una piccola superficie.
Questo è esattamente come una mina vagante. Dobbiamo tornare indietro e fare del pilota il fattore decisivo. Bisogna cambiare se vogliamo tenere gli appassionati davanti alla TV”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  F1 Gp Francia, le pagelle: fa tutto Verstappen, disastro rosso