MotoGP, Bradley Smith: “Ora o mai più”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

PA1590176.0008Il 2015 per il pilota del team Yamaha Tech 3, Bradley Smith è stato pieno di conferme. Ha concluso al sesto posto nella classifica mondiale, totalizzando 181 punti con tanto di podio nella gara di Misano.
Inoltre non va dimenticata la vittoria alla 8 ore di Suzuka insieme al compagno di squadra, Pol Espargaro.

Per questo campionato però Bradley Smith vuole di più anche perchè a fine anno molti posti ufficiali saranno in bilico ed è necessario mettersi in mostra per trovare una moto ancora più competitiva. Ed è questo l’obiettivo del pilota inglese che ha rilasciato un ‘ intervista ai microfoni di SoloMoto.
“Questo è uno dei motivi per i quali mi sto allenando sodo in modo da essere pronto per l’ inizio del campionato sia fisicamente che mentalmente, per poter approfittare dei movimenti che ci saranno nel 2017. Voglio essere un pilota ufficiale nel futuro e un modo di poterlo dimostrare è quello di fare buoni risultati dall’ inizio della stagione“.

Bradley Smith è consapevole che ci sarà molta confusione a livello tecnico fino a quando gli ingegneri non avranno capito completamente il funzionamento della nuova elettronica unita al cambiamento dei pneumatici. Questo fatto potrebbe aiutare notevolmente i piloti non ufficiali.

“Sono sicuro che a fine campionato, le differenze tra noi e i piloti ufficiali saranno maggiori rispetto all’ inizio, un altro motivo per incominciare al top”.

L’inglese inoltre è motivato dal fatto che per la prima volta dopo tanti anni non si può dire con esattezza chi sarà il favorito. Tutto sarà un’ incognita.

“Dopo quello che è successo nei test di Valencia, le Suzuki saranno molto più competitive. Nei test successivi a Jerez, il più veloce è stato Redding! Senza dubbio sarà un anno eccitante anche se credo che alla fine i migliori saranno i piloti di fabbrica. Se mi chiedi quali piloti vedo come favoriti per il 2016… Senza dubbio, Dani Pedrosa“.

 

fonte: Solomoto

  •   
  •  
  •  
  •