Test MotoGP: facciamo il punto (video)

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

motogp-test-sepang-2016-le-hondaDopo i primi test MotoGP sul circuito di Sepang, ci sono già diversi spunti che anticipano quali potrebbero essere le sorprese per la prima parte del campionato che inizierà il 20 marzo in Qatar.

Yamaha al top:
Jorge Lorenzo e Valentino Rossi si sono confermati i piloti più forti, in particolare il maiorchino che è sempre stato al comando per i tre giorni di prove. Il binomio Michelin- Yamaha sembra piacere proprio a Lorenzo che in un’ intervista, ha dichiarato di non essersi mai sentito forte come ora.
Dall’altra parte del box Yamaha Movistar, Rossi non è stato di certo a guardare e ha lavorato sodo per cercare di avvicinarsi al tempo del compagno di squadra. Vale ha lodato il lavoro di Michelin e anche del suo rivale in casa sostenendo che il suo passo ha impressionato tutti. Sul futuro? Ecco cos’ha confessato Valentino Rossi “voglio continuare ma solo se riuscirò a competere per le posizioni più importanti”.PA1845647.0008

Honda: non ci siamo
Il team Repsol Honda ha concluso i MotoGP in modo piuttosto altalenante. Il migliore è stato Marc Marquez che ha evidenziato soltanto piccoli miglioramenti dopo i tre giorni mentre Dani Pedrosa è apparso in evidente difficoltà, tanto da stare dietro a Casey Stoner, al suo ritorno in Ducati.
C’è ancora molto lavoro da fare e il tempo stringe. Bisognerà trovare la chiave di volta nei prossimi test a Philip Island in modo da arrivare in Qatar con la giusta direzione nella quale proseguire con il setup della moto. L’anno scorso proprio un errore di valutazione durante i testa, ha fatto perdere il mondiale a Marc Marquez.

Ducati: Stoner e Petrucci le sorprese
Non ci si aspettava di vedere un Casey Stoner subito competitivo. Sono passati 5 anni dall’ ultima volta che è salito in sella alla Desmosedici eppure, già nel primo test di sabato (riservato ai tester) l’australiano si è subito trovato a suo agio tanto da dichiarare di avere avuto la sensazione di non avere mai lasciato la Ducati. Altra nota positiva è quella di Danilo Petrucci che ha dimostrato tenacia piazzandosi davanti a tutti il secondo giorno di test.
Sottotono i due piloti ufficiali in particolare Andrea Dovizioso, beffato sia dal compagno di squadra che da Casey Stoner.
Forse il ritorno in squadra dell’australiano comincia a pesare?PA1845438.0008

Michelin: c’è ancora molto da fare
Già nei test MotoGP precedenti molti dei piloti erano caduti a causa di un problema di grip con il pneumatico posteriore. Ma nei test a Sepang due giorni fa se l’è vista brutta Loris Baz, protagonista di un volo a 260 km/h in pieno rettilineo a causa dell’ esplosione della gomma morbida posteriore. Fortunatamente il pilota francese se l’è cavata con un brutto spavento ed un’abrasione al braccio ma le conseguenze di quella rovinosa caduta potevano essere molto gravi.

Dopo quell’episodio Michelin ha fatto mea culpa, sostenendo che la gomma è ceduta in seguito ad un problema di pressione ed ha ritirato il pneumatico con la mescola morbida dai test.
images E’ vero che riprendere il lavoro in MotoGP non è facile, dopo un dominio di Bridgestone ma non è la prima volta che è il pilota a provare sulla propria pelle i problemi di una gomma.

Ancora poche settimane e poi i protagonisti della MotoGP torneranno a testare sul circuito di Philip Island dal 17 al 19 febbraio.

Test MotoGp Malesia: il video riassuntivo

  •   
  •  
  •  
  •