Gp Qatar 2016, Petrucci eroe: “Provo a correre”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

Cdq5tj0WAAEOO5AGp Qatar 2016: il pilota ternano, Danilo Petrucci a un mese dall’ infortunio alla mano correrà già questa domenica in Qatar.

I piloti non smettono mai di stupire per il loro coraggio e per la loro passione, nonostante le ferite trovano sempre la determinazione per correre e inseguire il loro sogno. Danilo Petrucci ha ancora i segni evidenti dell’ infortunio subito durante i test a Phillip Island il 19 febbraio ma non vuole darsi per vinto e ha dichiarato che domenica sarà sulla griglia di partenza:
“Non so davvero quale sia la situazione. Forse sarà molto difficile guidare. Non so cosa succederà alla mano e cosa aspettarmi dalle prime prove. Voglio restare calmo, so che non sarà facile. Solitamente una gara di MotoGP è molto dura. Questa volta credo che sarà la gara più difficile della mia vita, se potrò guidare. In prova scoprirò molte cose, con qualche antidolorifico non soffrirò molto alla mano ma probabilmente avrò una mancanza di forza nel braccio. Ho molta confusione in testa, voglio pensare al campionato perchè so che posso essere competitivo per tutta la stagione e non voglio causare ulteriori danni proprio qui. La situazione è rischiosa perchè per sistemare le ossa o bisogno di almeno otto settimane di riabilitazione, invece sono passati soltanto 25 giorni dall’ infortunio. Mi sono rotto il secondo metacarpo in cinque parti e i dottori hanno messo una placca di sei viti sono in un osso. Il terzo e il quarto metacarpo hanno tre viti ognuno. Perciò ho un totale di dodici viti! Si sa che è possibile cadere e per la drenata i dottori mi hanno detto che dovrò mettere del gesso nella mano. Altrimenti quando spingo sulla mano durante la frenata, le ossa si romperebbero ancora. Perciò vedrò cosa fare se la situazione è chiara. Forse uscirò dai box e alla prima curva dirò “Cavoli!” Poi proverò la seconda, la terza e tornerò indietro. Forse però riuscirò a guidare tre o quattro giri ma avvertirò la pressione al braccio con dei problemi ai tendini. C’è la possibilità che non sentirò dolore e potrò guidare. Voglio solo prendere dei punti per il campionato. Forse con una settimana in più di tempo, mi sarei sentito meglio. Ma dobbiamo confrontarci con questa situazione adesso. E’ solo una gara. A volte devi avere a che fare con problemi molto più grossi. Se qualcosa non va, partiremo lunedì con il pensiero per le prossime settimane dove forse potremo tornare ai livelli mostrati nei test.”

Petrucci ha registrato il secondo tempo nei primi test in Qatar, per poi ripetersi con il tempo più veloce a Phillip Island. In sua assenza, il suo compagno di squadra, Scott Redding ha confermato il potenziale della Ducati Pramac GP15 con il secondo miglior tempo negli ultimi test in Qatar.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: