Moto GP, Gran Premio Qatar: Rossi settimo nelle seconde prove libere

Pubblicato il autore: fabrizio gentile Segui

Moto GP

Moto GP, Gran Premio del Qatar, prima tappa del Mondiale 2016 di Moto GP. Si è da poco concluso il secondo turno di prove libere, mentre i tempi sul giro sono vicinissimi per i primi 10 piloti di testa, concentrati in poco più di mezzo secondo.
Si preannuncia una gara molto interessante, con i primi 10 piloti che -ipoteticamente- potrebbero lottare tutti per la prima posizione. Apre le danze un Andrea Iannone formato super, capace di conquistare il miglior tempo della tornata con 1’55”138: chissà se l’italiano, in sella alla sua Ducati, riuscirà a confermarsi nella terza sessione di prove libere, che partiranno alle 19.00 di oggi.
Al secondo posto, staccato di poco più di un decimo, si piazza lo spagnolo della Honda Mark Marquez a +0.013, che riesce ad avere la meglio, proprio negli ultimi giri, del secondo ducatista più veloce della giornata: Scott Redding, terzo con +0.123.
Quarto posto per lo scatenato Maverik Vignales e una Suzuki finalmente competitiva (almeno nei tempi dei giri singoli), che paga +0.256 da Iannone.  Al quinto posto il secondo ducatista ufficiale, Andrea Iannone, che accusa un ritardo di 0,333 dal compagno di squadra.
E le Yamaha? Le frecce blu del Dottore e di Lorenzo hanno girato conservative, testando le mescole delle gomme disponibili per la gara di domenica. Valentino Rossi si piazza settimo nella classifica provvisoria, staccato di quasi 5 decimi dalla vetta. Jorge Lorenzo, invece, non riesce ad andare oltre il nono posto, a +546 da Andrea Iannone.
Fra poco inizerà la terza e ultima sessione di prove libere di oggi, e nel paddok si respira aria di competizione vera. La Yamaha, infatti, vuole dimostrare alla Honda (in difficoltà nella prima sessione di libere, e in gran ripresa nella seconda) di essere la favorita per la vittoria di domenica.
Soprattutto, Valentino Rossi vuole dimostrare di esserci ancora. Può e deve dimostrare di essere ancora competitivo fin dalla prima gara, che l’anno scorso vinse dopo uno straordinario duello proprio con le Ducati e Lorenzo. Il Dottore è carico, e sembra non avere nessuna intenzione di mettersi in disparte lasciando il gioco ai “giovani”. E la sfida-duello con Marquez sicuramente sarà uno dei punti fermi della stagione che sta per iniziare.

  •   
  •  
  •  
  •