MotoGP, Marquez: “Rossi? Non ho provato nulla a vederlo”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

PA1858029.0008Sembra essere passato poco tempo dalla fine del mondiale MotoGP 2015, talmente tanta è stata l’ influenza mediatica ed eccoci già pronti ad assistere alla nuova stagione che inizierà la prossima settimana sul circuito del Qatar con la prima gara, in notturna.
Ovviamente tutti gli occhi saranno puntati su Valentino Rossi e Marc Marquez, nonostante i vari cambiamenti, il software ECU, le gomme Michelin. L’interesse degli appassionati sarà vedere l’atteggiamento dei due dentro e fuori la pista.
Sia Rossi che Marquez hanno già dato un piccolo assaggio di quello che sarà il loro comportamento.
Valentino Rossi ha rilasciato un’ intervista al settimanale Motosprint, nella quale parla delle sue aspettative e anche della tanto desiderata stretta di mano che, non ci sarà:

“Mi sento molto motivato, contento di iniziare una nuova stagione e soprattutto di avere un’altra possibilità di lottare con Lorenzo e Marquez. Posso giocarmela e prendermi delle soddisfazioni, batterli, provarci, come un anno fa”.

Quindi la lotta con Marquez, Rossi la vuole ancora ma la sfida sarà soltanto in pista:
Stretta di mano? Sarebbe ipocrita. Quello che è successo non lo scorderò mai. Dopo il finale della scorsa stagione niente sarà più come prima, però ci sarà una lotta più genuina. Senza finzioni”.

Resta sulle sue anche Marquez. Infatti durante i test di Phillip Island, il campione spagnolo ha incontrato il Dottore in pista, i due si sono osservati un attimo. Pochi secondi nei quali il pilota della Honda ha dichiarato di non avere provato nulla: “Non ho provato nulla. Alla fine, sono consapevole che ci aspettano gare combattute, ma questo è un buon segno, no? Sia con lui, con Jorge o con Dani, alla fine l’obiettivo è quello di vincere e tutti noi lo vogliamo allo stesso modo, dunque siamo costretti ad affrontarci“.

Leggi anche:  MotoGP, Rins recupera: in Germania ci sarà

Una soddisfazione, seppur piccola, Rossi se l’è presa. E’ stato deciso dalla Federmoto Internazionale che soltanto al raggiungimento dei 10 punti di penalizzazione il pilota non potrà partecipare alla gara successiva e quindi non più al raggiungimento dei 4 come lo scorso anno. Pertanto sono state eliminate  le sanzioni intermedie come le partenze dall’ultima fila o dalla pit-lane dopo i 4 o i 7 punti.

  •   
  •  
  •  
  •