MotoGP, Ducati: e adesso chi fa posto a Lorenzo?

Pubblicato il autore: Eugenio Usai Segui

yamaha_1-5524

Svolta in MotoGP, la Ducati è riuscita ad accaparrarsi il Campione del Mondo Jorge Lorenzo, e lo ha fatto a suon di milioni, con 25 milioni di euro in 2 anni, stando ad alcune indiscrezioni. Oltre al ricco contratto, la Ducati ha fatto leva sulla voglia di Lorenzo di sfidare Valentino Rossi con una casa motociclistica avversaria, punto dalle parole del pesarese: “per firmare con la Ducati ci vogliono le palle; penso che Lorenzo rimarrà alla Yamaha“. Qualche malizioso potrebbe pensare che la mossa di Valentino sia quella di avere più campo libero nella corsa al Campionato Mondiale dell’anno prossimo, ma i buoni risultati di inizio 2016 smentiscono questa ipotesi, visto che la Ducati, se non si fa male da sola, ha tutte le carte per dare noie alla Yamaha, quest’anno. Il quesito principale, però, è chi prenderà il posto del maiorchino nel prossimo MotoGp? Maverick Vinales è il candidato numero uno: giovane in ascesa e già con la stoffa da campione. La Yamaha dovrà combattere per averlo, Vinales è voluto anche dalla Honda, ma anche dalla Ducati, la quale però potrebbe decidere di tenersi uno tra Iannone e Dovizioso; si prevede una guerra a suon di contratti milionari per ingaggiare il ventunenne spagnolo della Suzuki, che forse potrebbe anche rimanere e ricevere un allungamento del contratto. In alternativa, la Yamaha sta monitorando Alex Rins, anche lui spagnolo e giovane  di belle speranze (21 anni ancora da compiere), che sta lottando per il titolo in Moto2 ed è fresco vincitore del GP delle Americhe; l’anno prima Rins arrivò secondo nella Moto2. Ancora si dovrà aspettare per sapere chi sostituirà Lorenzo, l’anno prossimo, ma quello che è certo è che, chiunque verrà, non avrà compito facile, il prossimo pilota Yamaha dovrà gareggiare con l’ombra del tre volte campione MotoGP, che magari diventerà quattro quest’anno, e dovrà dimostrare a tutti che sarà degno dell’altissimo livello di una casa come la Yamaha e contribuire a far continuare con la lunga striscia di successi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Valentino Rossi, Carlo Pernat ironizza: "Lo chiamerei Bostik"