Mondiale MotoGp 2016, che ti succede Vale?

Pubblicato il autore: Ciro Iavazzo Segui

Un Rossi forte e sempre competittivo, ma con un’enormità di punti da recuperare in questo mondiale MotoGp 2016. Perché? Che ti succede Vale?

Che ti succede Vale?
Un Valentino Rossi così forte e competitivo non si vedeva da tempo, forse dal 2009, anno dell’ultimo mondiale messo in bacheca. Neppure durante la  scorsa stagione, quando arrivò ad un passo dal decimo titolo iridato, il dottore era sembrato così in palla, così veloce, forse il più veloce. E allora perché si ritrova in terza posizione in classifica, a 59 punti da Marquez? Che ti succede Vale? Un’altra catastrofe ieri, dopo quella in Olanda, altri punti regalati allo spagnolo che ringrazia e, senza troppi patemi scappa via, verso il terzo titolo nella classe maggiore. Tutto si può riassumere nell’espressione dei meccanici Yamaha, quando Rossi, imperterrito, decide di proseguire per l’ennesimo giro e non rientrare, e loro, impotenti, imprecano stizziti, frustrati. Segno di una fame di vittorie ha sempre contraddistinto il pilota di Tavullia, ma che in questa stagione gli sta facendo perdere lucidità. Ottimi tempi, grande passo, ma una marea di punti da recuperare, due ritiri, e tanto, tanto rammarico. Ad Assen, quando era in testa, spinge su una pista umida e si ritrova a terra, buttando 25 punti; ieri, ad un passo da un podio certo (forse qualcosa in più), si intestardisce con le gomme rain, quando dietro, Marquez, gli recuperava quasi 5 secondi a giro con le slick.
E allora, che ti succede Vale? Perché stai buttando quella che poteva essere una stagione trionfale? Perché stai perdendo quella costanza e quella lucidità che ti hanno fatto grande? Questo sport ha ancora bisogno di te!

  •   
  •  
  •  
  •