MotoGp Australia sanzione Rossi. Scoppia il caso gomme

Pubblicato il autore: Gianluca_Rizzo Segui

MotoGp Australia sanzione Rossi.  Lorenzo:” Ingiusta la sanzione”, Rossi e Dovizioso: “la supersoft è la mescola da gara”, Crutchlow: “Solo una perdita di tempo”
motogp australia sanzione rossi

MotoGp Australia sanzione Rossi. Per la trasferta australiana, la Michelin ha deciso di portare, tra le varie mescole, anche l’anteriore da bagnato Super Soft. Molti ricorderanno questo compound a causa della sciagurata gara di Brno, quando molti piloti, tra cui Andrea Iannone e Jorge Lorenzo, finirono la gara con l’anteriore che perdeva  brandelli di gomma per il circuito. La casa francese ha portato questa mescola  sulla pista di Philip Island ma ad una condizione, i piloti non avrebbero dovuto fare più di 10 giri cronometrati su questa mescola. Proprio per questo motivo Valentino Rossi, che di giri ne ha fatti 11, si è visto togliere tutti i tempi ottenuti in quello stint, classificandosi così ventesimo. Qui i risultati dalla sessione del venerdì delle prove libere

MotoGp Australia sanzione Rossi.

Non sono mancate le reazioni dei piloti tra cui quelle dello stesso pilota di Tavullia.
“Avevo scelto di utilizzare la super soft all’anteriore, perché mi sembrava adatta a queste condizioni. Mi avevano detto che ci avrei potuto fare 10 giri e io ne ho fatti 9 lanciati. Il problema è che nel conteggio bisognava tenere conto anche di quelli di ingresso ed uscita, quindi sono diventati 11. Ora mi ritrovo penultimo e questo può essere un problema per domani mattina, perché se non riuscirò a migliorare dovrò fare la Q1. Quindi speriamo che domani le condizioni siano migliori, perché così comunque è difficile per tutti”. Ha dichiarato il nove volte campione del mondo e ai microfoni di sky ha aggiunto: “pensavo che il limite dei 10 giri fosse un consiglio più che una regola”. Tra l’altro il “Dottore” pensa che proprio la mescola più morbida sia quella più adatta alla gara “Per me quella è la gomma giusta per la gara se dovesse piovere, ma la Michelin è preoccupata per i problemi che ha avuto a Brno. Lì però c’erano 25 gradi sull’asfalto, che andava via via asciugando. Se c’è un posto per usare la super soft è questo. Se non la usi qui, non la usi da nessuna parte. Quando ho finito il mio run, dopo aver fatto dei buoni tempi, la gomma sembrava ancora nuova”.
Jorge Lorenzo si schiera al fianco del compagno di squadra, e come riportato dal sito GpOne:“Personalmente non era molto chiara la situazione, penso non sia giusto aver tolto tutti i tempi a Valentino, dovremo quindi fare più attenzione per via dell’utilizzo della gomma super soft. Credo sia una scelta molto conservativa, però non è possibile confrontare la quantità di acqua presente in  in pista e la temperatura dell’asfalto con a Brno. È una decisione che va accettata, perché quello sarà l’unico pneumatico a disposizione. Il problema è che le gomme sono troppo dure per queste condizioni, di conseguenza la media e la dura rischiano di non essere adatte. In caso di poca acqua, partire come a Brno con la media sarebbe pericoloso, mentre in queste condizioni la morbida è l’ideale”
Anche Cal Crutchlow si dice perplesso della scelta di Michelin di portare in pista una gomma che già aveva dato problemi. “E’ una perdita di tempo, io non so nemmeno perché l’hanno portato. Chi arriva in un circuito con un pneumatico e dice che ci si possono fare solo otto giri? Non so se questa sera faranno delle indagini ma non credo. Io continuo a non capire.”
Dello stesso parere anche Andrea Dovizioso; secondo il forlivese la preoccupazione di rivedere una seconda Brno non ci sono.  “Questa è una pista dove non ci sono frenate impegnative, le temperature sono basse e c’è poco grip. Con quella gomma secondo me si può fare la gara”. Per il pilota Ducati, la decisone di limitare l’utilizzo della mescola morbida doveva essere presa dopo le libere.

 

  •   
  •  
  •  
  •