38 anni di Valentino Rossi, tra record conquistati e da raggiungere. L’omaggio agli sportivi che hanno ipnotizzato il tempo

Pubblicato il autore: francesca la fata Segui

Risultati immagini per misano rossi 2014
16 febbraio 1979 – 16 febbraio 2017. 38 anni. Valentino Rossi, dalla pista di Philips Island in Australia dove si stanno svolgendo gli ultimi test prima dell’inizio della stagione, spegne 38 candeline, e accende milioni di tifosi che stanno già riempiendo da ieri (in Australia era già il 16 febbraio alle nostre 14:00 del 15 febbraio) le bacheche dei social per rendere omaggio al nove volte campione del mondo.Risultati immagini per rossi 1997

Inutile immaginare quale possa essere uno dei desideri che accompagneranno il taglio della torta durante i festeggiamenti, con la testa che andrà sicuramente a quel decimo titolo che da qualche anno sfugge dopo concrete dimostrazioni di potenzialità.

Ed oggi, dunque, nel giorno del suo compleanno, proviamo a guardare a (solo alcune delle) leggende dello sport che sono riuscite a vincere il tempo, arrivando a conquistare successi che, conquistati dopo gli “anta”, hanno un sapore di Risultati immagini per rossi hondaatemporalità.

Troy Bayliss. Il pilota australiano inizia la sua carriera motociclistica nel 1997 e, con i tre punti realizzati grazie al tredicesimo posto in gara 1 al GP di Phillip Island ottenuti all’età di 45 anni, 10 mesi e 8 giorni, diviene il secondo pilota più anziano a marcare punti nel mondiale Superbike .

Javier Zanetti. L’Inter è la squadra del cuore di Valentino Rossi, e il team nerazzurro ha più volte espresso tutto il suo supporto al suo grande tifoso (regalandogli anche una maglietta personalizzata dal numero 46). Zanetti, bandiera nerazzurra e oggi vicepresidente del club, si è ritirato a 40 anni dopo 22 stagioni di successi, soprattutto nell’Inter, dove risulta essere il giocatore con più presenze, oltre che il più titolato (ben 16 trofei).Risultati immagini per rossi 2004

Francesco Totti. Ha compiuto 40 anni il 27 settembre dello scorso anno e non smette di stupire. Ha offerto, ed offre, al calcio italiano un contributo sportivo ed umano di immenso valore.

E ancora Dino Zoff, Billy Costacurta, ritiratosi nel 2007 a 41 anni, è anche il giocatore più anziano ad aver segnato in Serie A, Alessandro Del Piero,19 anni alla Juventus poi Sydney e Delhi Dynamo fino al ritiro a 40 anni nel 2014.

Ancora quarant’enni, ancora Milan, parliamo di una delle sue bandiere, Paolo Maldini, ritiratosi a 40 anni dopo più di 20 stagioni nel club rossonero.Risultati immagini per rossi donington 2004

Cosa spinge questi uomini a voler correre più veloci del tempo? Forse proprio a proposito di Maldini fu “L’Èquipe” nel 2007 a darcene una risposta, commentando che

« In 23 anni di carriera [Maldini] non si è mai allontanato da un senso della morale, del dovere, della fedeltà e dell’etica che ne fanno una delle icone del calcio. »

Un omaggio alla persona prima che allo sportivo, per ricordare che sotto la tuta, la divisa o la maglietta contrassegnata da un numero, ci sono uomini e donne, che rivestono la loro vita di sport, e lo sport del loro stesso contributo.

DRisultati immagini per torta vietnam valentino rossiunque, mentre da tutto il mondo piovono auguri, regali (in foto la torta con cui lo hanno festeggiato in Vietnam qualche giorno fa), collage che lo appellano “San Valentino” nel giorno del suo onomastico e video omaggio creati dai suoi fan per ringraziarlo di questi 21 anni di successi, da Philips Island Rossi continua a sfidare avversari più giovani di lui di 15 anni (si pensi solo al suo compagno di team, Maverick Vinales, classe 1995), a migliorarsi, a sfidarsi, soprattutto a sfidarsi. Alla ricerca del decimo  titolo, delle 122 vittorie conquistate da Giacomo Agostini (ne mancano 8), magari anche del record che detiene quel Troy Bayliss sopra citato di pilota più longevo andato alla vittoria in Motogp (all’età di 37 anni e 213 giorni, con la vittoria nel gp di Valencia nel 2006, ironia della sorte gran premio in cui Valentino perse il titolo all’ultima gara per una scivolata al settimo giro. Titolo che andò poi all’americano Hayden).
D’altronde, se Valentino Rossi non ha mai temuto il cronometro, il cronometro sembra aver rinunciato a temere lui, collocandolo là dove stanno quelle leggende che non sfioriscono perchè la passione è troppa per togliere loro linfa.
E a questi uomini non si può far altro che, associandosi al mondo intero, augurar loro i migliori auguri.

 

  •   
  •  
  •  
  •