Pallanuoto, Mondiali Grecia-Italia 11-10

Pubblicato il autore: Maurizio Pezzuco Segui

pallanuoto

Il Settebello perde 11-10 contro la Grecia all’esordio nel gruppo B dei campionati mondiali di pallanuoto, in svolgimento a Kazan. Partita complicata, con gli azzurri sempre sotto nel punteggio (tranne in occasione del vantaggio iniziale) perfino di tre reti per l’8-5 ellenico nel terzo tempo. Poi la reazione che porta l’Italia al pareggio con Stefano Luongo (10-10) a quattro minuti dal termine. Il rigore di Afroudakis decide il match a favore degli ellenici bravi a capitalizzare soprattutto le chances in superiorità numerica (5/9). Per il Settebello rivincita rimandata al 29 luglio quando alle 19.50 (-1 ora in Italia) incontrerà la Russia padrona di casa. “Non abbiamo disputato una grande partita, soprattutto non c’è stata la solita sicurezza della difesa, quello che è uno dei nostri punti di forza – commenta a caldo Cittì Campagna. Abbiamo sempre rincorso nel punteggio e mi è piaciuta la reazione sotto di tre gol che ci ha riportato in parità. Poi abbiamo avuto l’occasione di vincerla con un paio di tiri sporcati dagli avversari. Ora ci aspettano due partite difficili con Russia e Stati Uniti, al mondiale nulla è scontato”. Deluso per lo svolgimento della gara anche Alex Giorgetti che sottolinea come: “Siamo stati sempre sotto nel punteggio e loro hanno meritato la vittoria. Nel 2013 anche il Montenegro ha perso la partita inaugurale e poi è arrivato in finale. Speriamo che sia di buon auspicio per noi. A livello mentale abbiamo tenuto e avevamo recuperato il punteggio. Mi dispiace per quel tiro alla fine, mi sentivo sicuro di poter far centro ed invece è andata fuori. Impareremo molto da questa partita, ora dobbiamo subito reagire”. Gli fa eco il compagno Matteo Aicardi, autore di una doppietta, che esprime la sua delusione al debutto: “Abbiamo difeso male e ci siamo adeguati al loro ritmo lento, cosa che ci eravamo imposti di non fare. Abbiamo segnato solo un gol in controfuga nell’unica occasione concessa. La Grecia l’abbiamo sempre sofferta in questi anni e oggi si è visto; ora il cammino è lungo e bisogna subito reagire”.

Il tabellino Grecia-Italia 11-10
Grecia: Flegkas, Mylonakis, Dervisis, Genidounias 1, Fountoulis 2, Pontikeas, C. Afroudakis 3 (1 rig.), Delakas, Mourikis 2, Kolomvos 1, Gounas 1, Vlachopoulos 1, Galanopoulos. All. Vlachos.
Italia: Tempesti, A. Di Fulvio, Velotto, Figlioli 2, Giorgetti 2 (1 rig.), A. Fondelli, Giacoppo 1, N. Presciutti, N. Gitto, Luongo 2, Aicardi 2, Baraldi 1, Del Lungo. All. Campagna.
Arbitri: Buch (Spa) e Kun (Hun).
Note: parziali 4-4, 2-1, 3-2, 2-3. Fountoulis ha fallito un rigore nel secondo tempo, parato da Tempesti. Usciti per limite di falli Dervisis (G) nel terzo tempo, Gitto e Presciutti nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Grecia 5/9 + 2 rigori, Italia 5/11 + un rigore. Spettatori 300 circa.

  •   
  •  
  •  
  •