Settebello, semifinale amara. Serbia in scioltezza sugli azzurri

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

settebello, mondialiTroppo forte la Serbia per il Settebello che ai Mondiali di Kazan termina la propria corsa in una semifinale che non l’ha visto mai entrare veramente in partita. Pesante il passivo per gli azzurri che adesso avranno la possibilità di chiudere, comunque , con una medaglia  contendendo il bronzo alla GreciaL’Italia ha pagato un avvio di gara disastroso che ha permesso alla Serbia di scappare sull’8 a 2 già a metà gara.  Il resto del match è scivolato via senza grossi patemi per i serbi con l’Italia mai in grado di impensierire la squadra di Savic. L’approccio del Settebello al match è stato molto timoroso. La formazione di Campagna sin dalle prime battute della gara è palesato tanta confusione in fase d’attacco e paurose amnesie in quella difensiva. Nel primo parziale la Serbia sfrutta proprio i tanti errori di organizzazione difensiva dell’Italia per scappare via sin dai primi minuti. Troppo facile per gli uomini di Savic avere la meglio sulla difesa azzurra che dopo otto minuti di gara è gia sotto per 4 a 0. La reazione auspicata da Campagna nel secondo tempo, però, non arriva.  Il Settebello non riesce a sfruttare le diverse situazioni di gioco in power play mentre dall’altra parte della piscina la Serbia continua a sfornare giocate d’alta scuola e reti. Il primo gol azzurro arriva a metà del secondo tempo con Giorgetti ( 5 – 1 ) ma la Serbia risponde immediatamente ricacciando indietro l’Italia. Al termine di metà gara il punteggio è pesantissimo per il Settebello, 8 a 2 per i serbi.

Al ritorno in vasca dopo l’intervallo lungo il Settebello ha un moto d’orgoglio trovando con Fondelli e Baraldi che portano il punteggio sul 9 a 4 ma ancora una volta le tante opportunità fallite in superiorità numerica non consentono agli azzurri di mettere paura alla Serbia  che chiude sul +5 il terzo tempo. Nell’ultimo parziale il match non ha più nulla da dire con il Settebello che salva quantomeno l’onore riuscendo ad arrivare al meno 4 ( 10 – 6 ) con la Serbia che ha pensato maggiormente a giocare al limite dei trenta secondi per far scorrere il tempo.  Al termine della gara facce deluse tra i giocatori del Settebello che hanno pagato a caro prezzo l’inizio di gara troppo arrendevole

  •   
  •  
  •  
  •