Serie A1, Lazio Nuoto in delirio. Vince il derby e scaccia le paure

Pubblicato il autore: Valerio Nisi

fischio finale  Che l’acqua in una piscina sia celeste è sotto gli occhi di tutti. Da ieri sera però quella del Foro Italico di Roma è bianco celeste. Nel derby valido per la 12esima giornata di campionato di Serie A1 infatti è stata la Lazio Nuoto a vincere un appassionante match stracittadino contro la Roma Vis Nova. E il modo in cui questa vittoria è stata portata a casa sa quasi di impresa. In svantaggio per 4-6, la Lazio Nuoto ha gettato il cuore oltre l’ostacolo e nel secondo quarto, in appena 90 secondi, è riuscita a rimontare fino al 7-6. In un Foro Italico pieno di gente come non si vedeva da tempo, quasi 1000 tifosi per lo più di fede bianco celeste, le due squadre della capitale hanno dato vita ad uno spettacolo unico. Quattro tempi caratterizzati da continue rimonte e capovolgimenti, fino all’ultimo respiro. Detto del vantaggio laziale acquisito nella seconda ripresa, non si può tralasciare che la Roma Vis Nova è rimasta in gara fino ad un minuto e mezzo dal fischio finale. La gara infatti, ferma sul 9 pari a 90 secondi dal termine, è stata decisa da un guizzo di un Raffaele Maddaluno in grande spolvero (3 reti) che, segnando il 10 a 9 per la Lazio Nuoto, ha regalato alla sua squadra tre punti fondamentali e la seconda vittoria in questo campionato dopo quella ottenuta contro il Sori ultimo in classifica lo scorso 10 ottobre. Anche in quel caso le acque amiche del Foro Italico hanno fatto la differenza. Per non parlare ovviamente della carica emotiva e della spinta che può dare la vittoria in una partita importante come il derby.

Gli uomini di Pierluigi Formiconi hanno combattuto con tutte le forze a disposizione per questi tre punti che consentono alle aquile acquatiche di raggiungere quota 8 in classifica, scavalcando l’Ortigia a 7 ma che ha giocato una partita in meno. Al momento l’undicesima posizione è tutta della Lazio Nuoto. La Roma Vis Nova ha incassato invece la settima sconfitta di questo campionato su 11 gare disputate, mantenendo così la nona posizione in classifica a quattro lunghezze dal Savona ottavo con 16 punti.

Entusiasti i tifosi della Lazio Nuoto che a fine gara hanno raggiunto i giocatori per abbracciarli e per strappare qualche foto e autografo. Entusiasta anche il tecnico Formiconi, sia per il calore del suo pubblico che per la vittoria finale nel derby: “Sono contento che c’erano tanti giovani aquilotti in tribuna ad assistere alla partita. Non ho mai firmato tanti autografi neanche quando ho vinto l’Olimpiade. Sull’8-6 eravamo in doppia superiorità numerica, potevamo chiudere la gara ma non siamo stati cinici e il Nova è rientrato in partita. Loro pensavano di batterci perché eravamo reduci da qualche sconfitta immeritata, non è stato così, sarà per il prossimo anno. Sono sempre stato un guerriero”. Il tecnico della Lazio Nuoto ha mostrato i denti, ha voluto far vedere i muscoli. E questa volta, l’avversario ha avuto paura.

Chi non ha avuto paura, anzi ne ha fatta tanta, è stato il mattatore della serata, il match winner Raffaele Maddaluno. L’attaccante della Lazio Nuoto ha parlato a fine gara non solo della partita appena vinta, ma anche del periodo difficile trascorso dalla sua squadra e del recente esonero del tecnico Antonio Vittorioso, mandato a casa a inizio dicembre proprio per assenza di risultati. “La cosa più importante era vincere, non era facile sia per la nostra classifica sia per i risultati del Vis Nova. Era importante questa vittoria per lo spirito, ora possiamo lavorare serenamente durante la pausa. E’ stata una bella partita, non sempre capita un pubblico così, ci godiamo una bella vittoria. All’inizio eravamo un po’ contratti per via delle partite precedenti che sono state molto dure. La responsabilità delle prime partite era di tutti, ci dispiace per Vittorioso che ha pagato per tutti a causa delle nostre sconfitte all’inizio, ora dobbiamo vincere a Trieste per chiudere in maniera meno dolorosa il girone d’andata”.

IL TABELLINO S.S. LAZIO NUOTO-ROMA VIS NOVA 10-9

S.S. LAZIO NUOTO: Radic Z. , Ferrante M. , Colosimo F. , De Vena W. , Santos Da Costa E Silva F. 1, Di Rocco L. 3, Giorgi D. 2, Cannella G. , Leporale M. , Lapenna F. 1, Maddaluno R. 3, Mele A. , Vespa L. All. Formiconi

ROMA VIS NOVA PN: Bonito M. , De Oliveira Crivella J. 1, Murro D. 1, Pappacena S. 1, Bezic R. 1, Oneto Gomes B. 1, Spinelli A. , Innocenzi C. 1, Vitola F. , Calcaterra A. , Mandolini J. 1, Del Basso M. 2, Nicosia G. All. Ciocchetti

Arbitri: Brasiliano e Paoletti

Note

Parziali: 3-4 4-2 2-1 1-2 Spettatori 800 circa. Cannella, Di Rocco, Charuto e Colosimo (L) usciti per limite di falli. Superiorità numeriche: Lazio 4/9, Vis Nova 3/14.

  •   
  •  
  •  
  •