Europei pallanuoto, riepilogo girone B femminile: Italia-Croazia 31-2, azzurre nella storia

Pubblicato il autore: valeria93 Segui

pallanuoto
Europei pallanuoto: porta davvero bene la Kombank Arena al Setterosa italiano, che questa mattina firma l’ennesima impresa in quel di Belgrado.
Una prestazione stratosferica per le azzurre che continuano a polverizzare le avversarie: stavolta tocca alla Croazia di Niksa Savic piegare il capo dinanzi ad una performance da applasi della squadra allenata da Fabio Conti. Un concentrato ti tecnica, raffinatezza, efficacia e cinismo, gli ingredienti che hanno portato le azzurre a lasciare il segno ancora una volta in una giornata davvero speciale. Oggi infatti si scrive la storia, quella del Setterosa made in Italy che realizza il suo miglior personale (31-2 l’inappellabile verdetto che cancella con un energico colpo quel 23-2 tra Italia-Slovacchia siglato a Leeds nel lontano 1993. Oltre al successo tutto italiano che ci ha regalato un’altra meravigliosa pagina di sport, giunge in mattinata anche la vittoria della Francia sulla Germania e nel pomeriggio, l’ennesima goleada spagnola contro la Serbia.

ITALIA-CROAZIA (31-2): poco più di una passeggiata il match tra italiane e croate, umiliate su un 31-2 che non dà adito a repliche di sorta. L’allenamento delle azzurre inizia subito con le reti di una Bianconi in gran forma che con 6 gol si guadagna a buon diritto lo scettro di mattatrice del match, e del capitano Tania di Mario: la sua precisione chirurgica dal dischetto beffa Alexandra Ratkovic, costretta a capitolare. Ritmi elevatissimi quelli imposti dalle azzurre, asfissiante il pressing in zona M sulle croate che preferiscono rallentare la circolazione della palla non riuscendo a gestire l’incontenibile potenza delle avversarie.

Molte falle nello schema difensivo delle croate, incapaci di imbastire una manovra avvolgente e totalmente impossibilitate a neutralizzare il contropiede azzurro, asso nella manica della formazione di Conti, che riscopre anche Aleksandra Cotti nel ruolo di marcatrice dopo un lungo digiuno. Il Setterosa riesce a condurre senza cali di attenzione una sfida che avrebbe potuto risolversi in una gara davvero poco stimolante tra due formazioni dall’abissale differenza tecnica. Sterili e corti scambi quelli che animano una spenta quanto giovanissima Croazia: la prima stoccata vincente arriva dopo 17 gol subiti e oltre 18′ di gioco grazie alla firma di Ivana Butic. Le azzurre invece timbrano tutt’altro andamento realizzando la media spaventosa di quasi 8 gol a set (8-0, 7-0, 8-1, 8-1 i parziali) e lanciando un segnale chiarissimo alle spagnole, che avevano rifilato alla Croazia “soltanto” 29 reti.

FRANCIA-GERMANIA (12-3): la mattinata degli Europei pallanuoto prosegue con il match che vede protagoniste le francesi, uscite vittoriose dallo scontro con il Setterosa tedesco. Monologo assoluto delle ragazze allenate da Filippos Sakelis sin dalle prime battute: a rompere il ghiaccio le reti di Guillet e Tardy che sul 2-0 regalano il primo set alla Francia in una gara dal freno a mano tirato. L’una vera reazione della formazione di Sekulic si compie solo nel corso della seconda frazione (3-2), con le tedesche che accorciano le distanze e trovano la prima rete su un buon lancio dai 5 m di Gelse, autrice della doppietta. I restanti parziali (4-0, 3-1) restano lo specchio di una gara condotta dalle francesi senza grandi affanni.

SERBIA-SPAGNA (6-21): altra prova di forza delle spagnole, le uniche rivali in grado di creare problemi alle azzurre. Sempre a pieno ritmo la formazione iberica, che dopo l’avvio eccellente di Pareja ed Espar e un set chiuso sullo 0-6, si concedono una piccola pausa nella seconda frazione, sfruttata dalle serbe che rosicchiano qualche punticino sul raddoppio di Vukovic (4-5). Sul finale di gara però la Spagna ritorna a mostrare la grinta a cui ci ha sempre abituata (1-4, 1-6 i set conclusivi) confermandosi l’Avversaria per eccellenza di questo torneo.

Vi proponiamo i prossimi appuntamenti:

17/01/2016

Ore 11:00 Croazia-Francia
Ore 12:30 Spagna-Germania
Ore 15:45 Serbia-Italia

  •   
  •  
  •  
  •