Pallanuoto Rio 2016: girone da “incubo” per il Settebello. Il Setterosa evita Ungheria e USA

Pubblicato il autore: Antonio Paradiso Segui

Italia pallanuoto

PALLANUOTO RIO 2016: PER L’ITALIA MASCHILE CAMMINO IN SALITO. BENE IL SETTEROSA

Nella giornata di ieri (10 aprile n.d.r.) si sono svolti i gironi per il torneo olimpico di Pallanuoto, che si disputerà in Brasile la prossima estate. Ricordiamo che nel torneo maschile sono impegnate 12 squadre, mentre in quello femminile 8. Al Settebello, sconfitto nella finale del preolimpico di Trieste per 10-8 dall’Ungheria, le cose non sono andate benissimo. Infatti, l’urna ci ha designato Croazia, Montenegro, Spagna, Stati Uniti e Francia. Oggettivamente non bene, dato che becchiamo i campioni olimpici in carica della Croazia (nella finale di Londra hanno proprio battuto l’Italia) e i vice campioni d’Europa del Montenegro che, come purtroppo tutti sappiamo, ci hanno eliminato nei quarti di finale dell’ultimo Europeo, quello che si è disputato in Serbia lo scorso gennaio. La Spagna, invece, è una squadra che abbiamo battuto nella finale per il quinto posto proprio a Belgrado, anche se va detto che restano sempre avversari temibili. Si candida, invece, a “cenerentola” del girone la Francia, anche se va detto che per i transalpini è già un grosso risultato essere qui. Il ct della nazionale Sandro Campagna ha commentato così il sorteggio: “Sarà un girone ostico in cui non sarà facile arrivare tra le prime quattro. Inoltre, è importante ottenere un buon piazzamento, per evitare la Serbia”.  Nel girone A, invece, cammino abbastanza semplice per la Serbia, che se la vedrà contro Ungheria, Brasile, Giappone, Grecia e Australia. Occhio ai padroni di casa del Brasile, che per non farsi trovare impreparati all’appuntamento casalingo hanno affidato la squadra ad un “santone” della pallanuoto, vale a dire l’indimenticabile Ratko Rudic, allenatore croato che in passato ha anche allenato l’Italia con cui ha vinto di tutto e di più. Tra l’altro sarà interessante la sfida tra la Serbia e il Brasile, perché in porta ai “verdeoro” gioca Slobodan Soro, ex portiere proprio dei serbi che quindi se la vedrà con il suo passato. Infatti, la pallanuoto non è come il calcio ed esiste un vero e proprio mercato anche per le nazionali.

Per quanto riguarda il torneo femminile, invece, può sorridere il Setterosa, dato che evita le temibili Ungheria e Stati Uniti. Le ragazze di Conti se la vedranno, infatti, contro Russia, Australia e Brasile, avversarie oggettivamente non irresistibili o quantomeno alla nostra portata. Girone di ferro, invece, per le campionesse d’Europa dell’Ungheria, che se la vedranno contro Cina, Spagna e Stati Uniti. La grande esclusa del torneo è senza ombra di dubbio l’Olanda, vice campione d’Europa e del Mondo in carica che però ha clamorosamente fallito l’accesso alla competizione olimpica dopo la sconfitta ai quarti di finale del preolimpico di Gouda contro la Spagna.

Infine, spendiamo due parole per il regolamento che è diverso per entrambe le competizioni. Nel torneo maschile accedono ai quarti le migliori quattro formazioni di ogni singolo girone con i seguenti accoppiamenti (Prima vs Quarta, Seconda vs Terza). Nel torneo femminile, invece, tutte le 8 squadre accedono ai quarti di finale, con la fase a gironi che servirà solo ed esclusivamente per stabilire gli accoppiamenti per quella successiva

PALLANUOTO RIO 2016: FASE A GIRONI:

TORNEO MASCHILE

GIRONE A: SERBIA, GRECIA, BRASILE, AUSTRALIA, GIAPPONE, UNGHERIA
GIRONE B: USA, SPAGNA, ITALIA, MONTENEGRO, FRANCIA, CROAZIA

TORNEO FEMMINILE

GIRONE A: USA, UNGHERIA, CINA, SPAGNA
GIRONE B: ITALIA, BRASILE, RUSSIA, AUSTRALIA

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: