Pallanuoto: l’Italia batte la Spagna e vola in finale. Oggi sfida all’Ungheria

Pubblicato il autore: Antonio Paradiso Segui

calendario pallanuoto serie a1 18° giornata

PALLANUOTO, PREOLIMPICO DI TRIESTE: ITALIA-SPAGNA 6-5. IN FINALE GLI AZZURRI CONTRO L’UNGHERIA. OGGI ALLE 19 IL SORTEGGIO DEI GIRONI DEL TORNEO OLIMPICO DI RIO.

Nonostante la qualificazione a Rio già in tasca, dopo la vittoria dopo la vittoria nei quarti contro la Romania, gli azzurri nella giornata di ieri hanno battuto la Spagna per 6-5, ottenendo la qualificazione alla finale del torneo preolimpico di Trieste e oggi se la vedranno contro l’Ungheria che, nella giornata di ieri, ha battuto la Francia per 15-9. A questo punto la sfida contro i magiari sarà importante per testare il “settebello” proprio in vista della kermesse olimpica, con l’Italia che ha come obiettivo minimo la conquista di una medaglia. Non sarà ovviamente facile, ma bisogna provarci, soprattutto per dimenticare al più presto un campionato Europeo in cui eravamo partiti con tante ambizioni e che purtroppo abbiamo concluso senza medaglia, eliminati nei quarti di finale dal Montenegro.

Ritornando alla gara di ieri, bisogna dire che l’Italia ha sofferto e non poco prima di domare gli iberici. Infatti, l’inizio gara è subito appannaggio della Spagna, che si porta avanti per 1-0 grazie ad una rete messa a segno da Lifante dopo 3 minuti di gioco. Nella prima frazione non succede granché altro e l’Italia non riesce a timbrare il cartellino. Nel secondo quarto il “settebello” trova la prima gioia della serata grazie a Presciutti, che dopo 5 minuti dall’inizio della seconda frazione buca Lopez Pinedo per il gol del pareggio. Sul punteggio di 1-1 si va al terzo quadro, che si pare subito con un importante break della Spagna che, grazie ai centri di Espanol e Echeniche, entrambi realizzati in superiorità numerica, si porta sul 3-1, realizzando il massimo vantaggio. Per l’Italia questo è sicuramente il momento più difficile della gara, dato che la Spagna sembra in controllo della gara. Fortunatamente, ci pensa Nora a non far scappare via gli spagnoli, mettendo dentro la rete del 2-3, punteggio con cui si chiude la terza frazione. Nell’ultimo e decisivo quarto, tuttavia, l’Italia decide di tirare fuori gli artigli e grazie alle reti di Nora, Presciutti e Figlioli su rigore rifila alla Spagna un break di 3-0 (4-0 se consideriamo il gol di Nora del momentaneo 2-3) che porta per la prima volta avanti gli azzurri per 5-3. Sembra finita, ma Tempesti e compagni non hanno fatto i conti con la voglia di fare degli iberici che, trascinati da una doppietta di Mallarach, riportano la gara in equilibrio a meno di 1 minuto dalla fine. A 42 secondi dalla fine però arriva la doccia fredda per Molina e compagni, che vengono puniti da Bodegas che fissa il punteggio sul definitivo6-5.

A fine gara abbastanza soddisfatto il ct Sandro Campagna, che ha elogiato i suoi in particolar modo per la voglia di vincere e la grande rimonta coincisa con il break di 4-0. Oltre al ct, hanno parlato anche Bodegas e Tempesti, con il primo che ha detto di essere felice del risultato e del fatto di poter giocare la finale contro l’Ungheria davanti al proprio pubblico. Sulla stessa linea d’onda Tempesti, che spera in un match spettacolare contro i magiari, nonostante la stanchezza accumulata in questi giorni. Ricordiamo, infine, che l’Italia alle ore 19 conoscerà il suo destino, dato che si terranno i sorteggi per la fase a gironi del torneo di Rio.

  •   
  •  
  •  
  •