Londra 2016 – Campionati europei di nuoto: Le speranze azzurre in attesa delle Olimpiadi

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

Europei nuoto 2016
Ormai il conto alla rovescia sta per essere ultimato: dal 9 al 22 maggio Londra ospiterà la 23a edizione dei Campionati Europei di nuoto.
Quest’anno l’attenzione sulla manifestazione sarà maggiore in quanto sarà l’ultimo appuntamento importante prima delle Olimpiadi brasiliane di Rio 2016.
Dal 9 al 15 maggio saranno protagonisti gli atleti dei tuffi e del nuoto sincronizzato, mentre le gare di nuoto in vasca inizieranno il 16 per concludersi il 22 maggio.
L’Aquatics Centre, progettato per le Olimpiadi inglesi del 2012 dall’architetta irachena Zaha Hadid, recentemente scomparsa, ospiterà oltre 900 atleti pronti a gareggiare per le 126 medaglie in palio in vista dell’obiettivo ultimo costituito dalle Olimpiadi di agosto.
Ma, a parte la novella portabandiera azzurra Federica Pellegrini, tra i 70 azzurri in totale convocati, di cui undici per i tuffi, dodici per il nuoto sincronizzato e 47 per il nuoto in vasca, chi può fare sperare nella conquista di una medaglia?
Per i tuffi Tania Cagnotto è sempre una garanzia.
Per quanto riguarda il nuoto in vasca, le speranze sono strettamente legate ai nove nuotatori che hanno già ottenuto la qualificazione per Rio 2016: Tra gli uomini Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti nel 1500 sl, Simone Sabbioni nei 100 dorso, Luca Dotto nei 100 sl, Matteo Rivolta nei 100 farfalla, Federico Turrini nei 400 misti, per le donne, oltre alla già citata Federica Pellegrini nei 200 sl, Ilaria Bianchi nei 100 farfalla, Martina Carraro nei 100 rana.
Oltre a questi nomi citiamo con fiducia la dorsista Elena Gemo, classe 1987, che cercherà di conquistare la qualificazione per le Olimpiadi di Rio sia nella prova individuale sia nella staffetta mista.
Da tenere d’occhio la squadra britannica, che, giocando in casa, ha la possibilità di avere un ruolo di primo piano sia con nuotatori esperti come Jazmin Carlin sia con atleti giovani, quali Adam Peaty, James Guy, Ross Murdoch e Siobhan-Marie O’Connor, in grado di gareggiare alla pari con i più forti.
E allora televisori accesi e ricordiamo le finali:
Lunedì 9 maggio: nuoto sincronizzato squadre tecnico, tuffi team event
Martedì 10 maggio: nuoto sincronizzato solo libero, tuffi 1 metro uomini e 10 metri sincro donne
Mercoledì 11 maggio. nuoto sincronizzato duo libero e duo misto libero, tuffi 1 metro donne e 3 metri sincro misto.
Giovedì 12 maggio: nuoto sincronizzato solo tecnico, nuoto sincronizzato combinato libero, tuffi 3 metri uomini e 10 metri sincro uomini.
Venerdì 13 maggio: nuoto sincronizzato duo tecnico, duo misto tecnico e squadre libero, tuffi 10 metri donne e 3 metri sincro uomini.
Sabato 14 maggio: tuffi 3 metri donne e 10 metri sincro misto
Domenica 15 maggio: tuffi 3 metri sincro femminile e 10 metri maschile.
Lunedì 16 maggio: 400 sl maschili, 400 misti donne, staffette 4×100 sl donne e 4×100 sl uomini.
Martedì 17 maggio: 50 farfalla uomini, 100 dorso uomini, 50 farfalla donne, 100 rana uomini, 200 dorso donne, staffetta 4×100 mista.
Mercoledì 18 maggio: 1500 sl uomini, 200 sl uomini, 100 rana donne, 100 sl donne, 200 misti uomini.
Giovedì 19 maggio: 800 sl donne, 200 misti donne, 200 rana uomini, 100 dorso donne, 200 farfalla uomini, 50 dorso uomini, staffetta 4×200 sl donne.
Venerdì 20 maggio: 800 sl uomini, 200 rana donne, 100 sl uomini, 100 farfalla donne, staffetta 4×100 mista sl.
Sabato 21 maggio: 1500 sl donne, 100 farfalla uomini, 200 sl donne, 50 dorso donne, 200 dorso uomini, 50 rana uomini, staffetta 4×200 sl uomini.
Domenica 22 maggio: 50 sl donne, 50 sl uomini, 50 rana donne, 200 farfalla donne, 400 misti uomini, 400 sl donne, staffette 4×100 mista donne e 4×100 mista uomini.

Leggi anche:  Calcio femminile a Tokyo 2020: chi saranno le campionesse olimpiche?
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: