Pallanuoto, A1 femminile: il Padova concede il bis!

Pubblicato il autore: Andrea Bellini Segui

Plebiscito Padova

E’ successo di nuovo: ad un anno di distanza dal primo scudetto, conquistato l’anno scorso contro Imperia, il Plebiscito Padova concede il bis vincendo anche il campionato 2015-2016, aggiudicandosi la Finale Scudetto contro la Waterpolo Messina con il risultato finale di 6-4 (parziali: 1-0; 2-1; 2-1; 1-2) davanti al pubblico avversario. Si giocava, infatti, in un Cappuccini gremito, 2.000 i biglietti venduti: nonostante ciò, le giallorosse non sono riuscite ad avere la meglio sulle avversarie che, dopo aver dominato la Regular Season, terminata a punteggio pieno, dominano anche nei Play-off, riuscendo a vincere, in totale, 20 partite sulle 20 giocate; un risultato notevolissimo, che testimonia la compattezza e la forza del gruppo guidato da Stefano Posterivo.

Un match senza storia

Nella finale giocata domenica sera alle 19.15, il Padova ha assolutamente dominato sul piano del gioco, riuscendo ad arginare senza troppi problemi le avversarie, che più volte si sono infrante sul muro difensivo delle venete, e che sono riuscite ad aggiudicarsi, con il punteggio di 2-1, solo l’ultimo set. La difesa è stata la chiave del match per il Padova, che ha sopperito ad un’insolita poca incisività in fase realizzativa, accentuata dalla mancanza della bomber Queirolo, prima marcatrice del Plebiscito con 44 reti all’attivo, che non ha potuto partecipare alle due partite dei Play-off: la giocatrice più talentuosa delle padovane è stata operata all’occhio destro per il distacco della retina, e tornerà a disposizione molto probabilmente solo per le Olimpiadi di Rio, saltando anche la Super Final di World League. Dall’altra parte, invece, le padrone di casa hanno patito l’assenza, in fase realizzativa, di Arianna Garibotti, capocannoniere del campionato con 56 gol, a cui si aggiungono i 5 messi a segno nelle Final Six.

Grande festa per Padova

Una vittoria che va a coronare la splendida stagione del Plebiscito, che, come detto, ha vinto tutte le venti partite disputate, terminando con 9 punti di distacco dalla prima inseguitrice, la stessa Waterpolo Messina battuta in Finale Scudetto, appunto, e una differenza reti stratosferica: +152, frutto dei 232 gol segnati e dei soli 80 subiti, che fa delle ragazze di Posterivo la squadra con il miglior attacco e, contemporaneamente, la miglior difesa della Serie A1. Piccola pecca, per così dire, nella stagione, è rappresentato dal terzo posto in Coppa Italia: le padovane non sono riuscite a replicare l’impresa dello scorso anno, con la doppietta Scudetto-Coppa Italia.

Le parole di coach Posterivo

Queste le parole di Stefano Posterivo, allenatore del Plebiscito Padova, rilasciate ai microfoni di Raisport: “E’ la seconda volta in due anni e devo dire che è una bellissima abitudine. Bellissima sensazione; questo scudetto è stato qualcosa di incredibile perché abbiamo fatto 20 vittorie su 20 e abbiamo terminato a punteggio pieno. In più lo abbiamo vinto fuori casa, in casa della squadra più forte dopo la nostra (la Waterpolo Messina, ndr), quindi non è assolutamente stato facile, anzi. Ma onestamente devo dire che ce lo meritiamo tutto; è un gruppo di ragazze straordinarie. Questa è veramente la squadra dei sogni: vince fuori casa, ha carattere, nei momenti importanti fa la differenza, e c’è sempre nei momenti importanti. Veramente la squadra che ogni allenatore vorrebbe allenare.” Parole di grande entusiasmo, ovviamente, quelle di Posterivo, che sottolinea quanto il valore aggiunto della squadra sia il carattere di ogni singolo componente. E sarà interessante vedere, a questo punto, se il Plebiscito Padova riuscirà a mantenere la corona anche l’anno prossimo, e sarebbe il terzo consecutivo, o se sarà costretto ad abdicare.

  •   
  •  
  •  
  •